23 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

EMMA MARRONE combatte il cancro e avverte i giovani

Prima di entrare nella scuola di Amici, il suo ginecologo gli aveva diagnosticato il tumore dicendogli di operarsi il prima possibile. Al Corriere.it Emma dichiara: ?La neoplasia mi aveva preso utero e ovaie.?Avevo fatto la Tac

Prima di entrare nella scuola di Amici, il suo ginecologo gli aveva diagnosticato il tumore dicendogli di operarsi il prima possibile.
Al Corriere.it Emma dichiara: “La neoplasia mi aveva preso utero e ovaie. Avevo fatto la Tac e la risonanza magnetica.
Anche la ricerca dei marker nel sangue confermava la presenza di cellule tumorali.
A quel punto non potevo più sfuggire“. Emma parla della sua presenza nella campagna contro i tumori: “Se lo faccio adesso è perché ci credo e voglio aiutare, se posso.
Non ho bisogno di usare una malattia del genere per sponsorizzarmi.
Nemmeno un mese fa è morta di tumore una mia giovane fan e altre sono in cura.
Questo bisogna chiedersi: è normale, ancora oggi, che una ragazzina di 17 anni muoia di tumore in Italia?“. Emma racconta delle sue prime visite quando si sentiva qualcosa che non andava: “Sai quando ti si accende quella lampadina nella testa? Anche prima di andare a fare la visita avevo parlato con mia mamma e le avevo detto: preparati perché non ne verrà niente di buono, lo so.
Me lo sentivo dentro“. La bella cantante racconta l'operazione e il momento in cui gli avevano detto che forse non avrebbe potuto più avere dei bambini: “Non smetterò mai di ringraziare la dottoressa Marialuisa Framarino e lo staff di Ginecologia.
Mi hanno accolto subito bene e mi hanno salvato la vita.
Lei ce l’ha messa tutta per salvarmi le ovaie e l’utero.
E c’è riuscita.
Fortunatamente non c’è stato nemmeno bisogno di fare radio o chemioterapia, come invece mi era stato anticipato.
Dopo l’intervento ho fatto di nuovo gli esami ed era sparito tutto.
Nel sangue non era rimasto niente, come se il mio corpo avesse immediatamente reagito bene”. Una sola settimana di ricovero e poi subito riabilitazione a casa: “Sono stata dimessa anche un giorno prima del previsto, perché volevo tornare a casa.
È stato il solo momento in cui ho pianto: non pensavo di uscire con le mie gambe, sinceramente“. Dopo neanche un mese già si esibiva: “Avevo ancora i punti e il busto con le stecche, che ho portato per mesi, anche quando ho fatto il primo provino il 3 giugno ad Amici”. Emma da un consiglio a tutti i giovani: “Da quando sono scampata al male mi sento un po’ fortunata e un po’ missionaria nei confronti dei giovani.
A loro dico: mi raccomando, non bisogna vergognarsi di andare dal medico.
La prevenzione è importante.
Avessi fatto più visite prima, magari avrei arginato il problema in maniera diversa“.

Articoli Correlati