17 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Smalti bio, ecco perché preferirli a quelli comuni

  • Smalti bio, ecco perché preferirli a quelli comuni
Il concetto bio e inci verde sta ormai diventando un filtro per l'acquisto di prodotti, soprattutto quelli cosmetici. Perch? stendere sul viso o sulle mani prodotti potenzialmente nocivi se si possono avere buone

Il concetto bio e inci verde sta ormai diventando un filtro per l'acquisto di prodotti, soprattutto quelli cosmetici. Perché stendere sul viso o sulle mani prodotti potenzialmente nocivi se si possono avere buone prestazioni con dei cosmetici assolutamente privi di sostanze pericolose? Sempre più aziende stanno lanciando linee 'verdi' nelle loro collection e anche per quanto riguarda gli smalti per unghie, esistono prodotti bio che non danneggiano il letto ungueale e possono essere addirittura utilizzati in gravidanza. Smalti con inci verde, ecco perché preferirli a quelli tradizionali Se siete amanti della manicure perfetta, non potete non essere affascinate dalle tantissime boccette colorate messe in fila sugli espositori delle migliori profumerie, ma conoscete davvero le sostanze che applicate sulle vostre unghie? Alcune sono davvero pericolose e anche cancerogene, per questo sarebbe bene non utilizzare smalti che le contengano. ->POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Ricostruzione unghie in acrilico o in gel? Ecco le differenze L' unghia presenta una superficie porosa in grado di assorbire le sostanze che vengono applicate attraverso la stesura dello smalto. Le sostanze più pericolose contenute negli smalti sono: Il Toulene Un solvente che è contenuto anche nella benzina. La canfora Una sostanza prodotta sinteticamente dalla trementina. Formaldeide Sostanza chimica prodotta dall'ossidazione del metanolo ed è classificata come cancerogeno. Esistono inoltre altre sostanze nocive contenute negli smalti per unghie. Gli smalti 'bio' contengono sostanze chimiche in basse quantità nel pieno rispetto delle norme di legge. Le diciture importanti da leggere sulla boccetta di smalto, soprattutto in gravidanza sono ''Big 3 free'', ''Big 4 free'' e ''Big 5 free''. Queste sigle assicurano l'assenza di gruppi di sostanze tossiche. Esistono anche aziende che per il loro marchio hanno ottenuto la certificazione ''Big 10 free''. Smalti composti per l'87% da ingredienti di origine naturale e 100% vegan, in pieno rispetto del pianeta e degli animali. Basta perdere un poco di tempo ad informarsi e fare del consumo consapevole, un modo di vita che assicuri un gesto di bellezza in piena sicurezza, soprattutto per le ragazzine più giovani ed in età di sviluppo, molto più sensibili alla presenza di sostanze chimiche dannose per l'organismo. Le unghie saranno belle, colorate e sane.
Forse lo smalto bio durerà meno di uno tradizionale, ma varrà la pena perdere cinque minuti in più a riapplicarlo, proprio per la nostra salute! ->POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: come rimediare ai danni della ricostruzione GUARDA LA NUOVA VITA DI ELISABETTA CANALIS -IL VIDEO-  

Articoli Correlati