22 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Lascia il bar senza pagare ma tre settimane dopo la sorpresa

In Spagna e non solo va diffondendosi una moda nota come "sinpa". Niente di affine a scarpe con la zeppa o gonne asimmetriche: "sinpa" sta per ?sin pagar?, senza pagare. La moda consiste infatti nel lasciare un locale tutti

In Spagna e non solo va diffondendosi una moda nota come "sinpa".
Niente di affine a scarpe con la zeppa o gonne asimmetriche: "sinpa" sta per “sin pagar”, senza pagare.
La moda consiste infatti nel lasciare un locale tutti insieme dopo un battesimo o un matrimonio facendo il trenino.
Niente di strano fino a qui se non fosse che sul tavolo resta un salatissimo conto da pagare e che nessuno dell'allegra combricola rientrerà mai nello sfortunato ristorante per lasciare la sua carta di credito. Il dilagare di questa moda truffaldina è tale che quando lo scorso 22 febbraio uno dei clienti del suo bar si era dileguato senza pagare il conto, Ana Isabel, la proprietaria del bar La Estacion nel comune di Candaleda (Castiglia e Leon, Spagna), ha creduto di essere vittima dell'ennesimo "sinpa" versione ridotta: nessun trenino beffardo e nessun gruppo cantante, bensì un singolo avventore che varcava le porte del bar senza lasciare un euro alle sue spalle.
Le cose però non stavano così. POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -->Ryanair vuole fargli pagare la penale? Assurdo quello che si inventa! Va via senza pagare un conto ma 17 giorni dopo manda i soldi e una lettera La storia che vi raccontiamo oggi è stata condivisa dalla stessa proprietaria del bar La Estacion sulla pagina Facebook del locale.
I commenti seguiti al post parlano di una storia che fa tornare ad avere "fiducia negli esseri umani", di un uomo che se riuscisse a fungere da esempio per molti altri renderebbe il mondo "un posto migliore".
Una storia dunque a lieto fine, una di quelle che ci fa sperare ancora nel bene. POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -->Rinuncia a 4milioni di euro e lascia l’azienda ai suoi dipendenti Diciassette giorni dopo quel 22 febbraio in cui il misterioso cliente era uscito dal bar senza pagare, Ana Isabel si è vista arrivare la seguente lettera. Stimata signora, il 22 febbraio ho consumato un panino con la frittata, un’insalata russa e una bibita al limone nel vostro ristorante.
Purtroppo, per una stupida svista, sono andato via senza pagare.
Mi scuso per l’inconveniente causato e allego 20 euro.
Cordiali saluti Acclusi alla missiva vi erano 20 euro, il saldo del conto per l'appunto e, forse, anche qualcosina in più. La correttezza dunque sembra ancora esser parte di questo Pianeta e, incredibile ma vero, può ancora stupirci, proprio quando meno ce lo aspettiamo e ogni cosa sembra andare nella direzione opposta.
Come un trenino, che però torna indietro.

Articoli Correlati