24 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Aspetti biologici e sociali del comportamento aggressivo

Gi? la scorsa settimana avevamo affrontato il tema dell'aggressivit? nei bambini, cercando di capire da dove trae origine. Adesso proviamoo ad pprofondirne alcuni aspetti cardine, quelli biologici e sociali. Da dove ha

Già la scorsa settimana avevamo affrontato il tema dell'aggressività nei bambini, cercando di capire da dove trae origine. Adesso proviamoo ad pprofondirne alcuni aspetti cardine, quelli biologici e sociali. Da dove ha origine il comportamento aggressivo? Varie teorie hanno cercato di dare una risposta a questa domanda.
Il primo ad occuparsi di aggressività è stato proprio Freud sostenendo che essa è una tendenza innata a distruggere.
Questa tendenza è per lo più diretta verso l’esterno, ma a volte può capitare che venga diretta verso se stessi sotto forma di autolesionismo, fino ad arrivare a gesti estremi come il suicidio. Secondo Freud l’aggressività si accumula, nell’individuo, nel tempo fino a raggiungere un livello tale che necessità di una scarica.
Questa scarica di solito assume forme socialmente accettate come ad esempio l’attività sportiva altre volte invece in modi disapprovati come la violenza.
Un modo per controllare l’aggressività è dquello di fornire agli individui l’opportunità di scaricare le energie in eccesso attraverso modalità non dannose. Un’altra ipotesi considera l’aggressività come una conseguenza della frustrazione.
Le persone hanno degli obiettivi che vogliono raggiungere, quando il comportamento verso quel determinato obiettivo viene bloccato rispondono con rabbia.
L’aggressività è frutto dell’apprendimento ossia quando il bambino la scopre allevia , in qualche modo, la frustrazione e permette di togliere il “blocco” e quindi raggiungere l’obiettivo desiderato, il bambino tende a ripetere l’azione aggressiva in circostanza simili. Secondo Bandura invece l’aggressività, come ogni altro comportamento, viene acquisita attraverso l’apprendimento diretto e l’osservazione.
L’apprendimento diretto si ha quando i comportamenti aggressivi del piccolo vengono rinforzati sia attraverso la loro contestazione sia attraverso il loro risalto.
Se questo suo comportamento funziona allora con maggiore probabilità questi comportamenti verranno riproposti. Quando il bambino osserva coloro che ammirano comportarsi in modo aggressivo e ottenere dei risultati con molta probabilità imiterà tali comportamenti. La tendenza che il bambino ha di mettere in atto comportamenti aggressivi rappresenta il solo modo che egli ha per ottenere attenzione o comprensione dagli altri, oppure gli consentono di fuggire da una situazione o un ambiente poco stimolante o noioso.
Quindi i bambini che sono notevolmente aggressivi di fronte alle punizioni accresceranno la loro aggressività perché in questo modo vengono riconosciuti.
Una volta che questo stile comportamentale si sarà stabilito esso avrà delle ripercussioni anche sugli altri aspetti della vita, molto spesso chi ha questo tipo di comportamenti viene rifiutato dei coetanei. Teresa Benedetti teresabenedetti@yahoo.it PER CONTATTARE I NOSTRI ESPERTI SCRIVI A espertorisponde@chedonna.it

Articoli Correlati