24 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

MUSICA: "Le cirque des animaux" diventa videoclip per dare un volto al dramma degli animali da circo

Ecco?il videoclip de?Le cirque des animaux di Serena Finatti: l?intenso brano incentrato sul dramma della vita degli animali nelle gabbie dei circhi, realizzato dalla sapiente regia di Manuel Zarpellon e Giorgia Lorenzato a

Ecco il videoclip de Le cirque des animaux di Serena Finatti: l’intenso brano incentrato sul dramma della vita degli animali nelle gabbie dei circhi, realizzato dalla sapiente regia di Manuel Zarpellon e Giorgia Lorenzato a completamento di Video&Danza@Folkest 2016, l’iniziativa voluta da Folkest Festival, che ha prodotto il video, appunto per valorizzare l’incontro tra le arti: musica, danza e immagine. Vincitrice di questa prima edizione Luisa Amprimo, protagonista del video con la sua emozionante e coinvolgente coreografia assieme al giovanissimo Andrea Gorassini, premiato con una menzione d’onore dalla giuria.
Nel video anche il coro di ragazzi allievi di Serena, i Sing&Feel, e il gruppo di artisti di strada I Cugini Meraviglia. Da un punto di vista strettamente musicale, spiega Serena Finatti ho voluto registrare la canzone in una nuova versione, live in studio, suonando io stessa il piano, con Andrea (Varnier) alla chitarra e il coro dei ragazzi, per catturare l’energia necessaria a trasmettere un messaggio così forte.
È un tema al quale tengo molto, cerco di fare la mia parte per diffondere un po’ di consapevolezza. Con il videoclip Le cirque des animaux, hanno raccontato i registi Manuel Zarpellon e Giorgia Lorenzato abbiamo cercato di ripercorrere idealmente il tragitto che l’animale compie tra la gabbia e il palcoscenico.
Un percorso che segna la sua intera vita scrivendo pagine tristi di un diario che a pochi interessa leggere.
Tre sono i simboli che servono da filo conduttore all’intero lavoro: le catene, la libertà negata; il trucco, in particolare della ballerina che ci ricorda il lato “umano” degli animali, ma allo stesso tempo il lato bestiale dello spettatore; le locations, che indicano il decadimento di un’arte che non segue la coscienza e la pietà.
L’aspetto più entusiasmante del lavoro svolto è stata la fusione tra musica, danza, cinema e arte di strada.

Articoli Correlati