14 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Stagione 2014 – 2015 dell’Ambra Garbatella: all’insegna del teatro italiano contemporaneo

  • Stagione 2014 – 2015 dell’Ambra Garbatella: all’insegna del teatro italiano contemporaneo
Al via da met? Ottobre la stagione teatrale 2014 ? 2015 dell?Ambra Garbatella, all?insegna del teatro italiano contemporaneo. Saranno infatti italiani gli autori delle 22 pi?ces che formano il cartellone con un?attenzione

Al via da metà Ottobre la stagione teatrale 2014 – 2015 dell’Ambra Garbatella, all’insegna del teatro italiano contemporaneo.
Saranno infatti italiani gli autori delle 22 pièces che formano il cartellone con un’attenzione particolare rivolta alla commedia brillante e degli equivoci.
Autori giovani e meno giovani per raccontare con humor un universo variegato di temi che vanno dalle dinamiche di coppia all’amore omosessuale.
Un filo conduttore percorrerà gli spettacoli che vedono i drammi e le ironie dell’essere umano raccontati con leggerezza nel tentativo di dare voce all’arte della commedia, come vero trait d’union degli spettacoli proposti in cartellone.
Accanto convivranno classici intramontabili come Romeo e Giulietta o Cyrano, ma anche Snoopy in un divertente musical.
Non mancherà l’impegno civile con due pièces sulla dittatura argentina e quella militare brasiliana. All’insegna dell’impegno parte la stagione curata da Simona Banchi e Enrico Maria Falconi.
Primo spettacolo in cartellone dal 16 al 19 Ottobre Le figlie di Magdalene, di Tenerezza Fattore, che porta in scena uno struggente spettacolo, ambientato nella cattolica Irlanda dei conventi “Case Magdalene”, sul trattamento riservato alle donne accusate di lussuria.
Fortemente impressionata dal film di Peter Mullan, Tenerezza Fattore ci restituisce una storia toccante, che parte da lontano ma è di forte attualità.
La pièce è interpretata da Veruska Valeau e da allievi dell’Accademia Teatrale“Cassiopea” con l’amichevole partecipazione di Riccardo Montillo. Dal 23 al 26 Ottobre e dal 30 Ottobre al 2 Novembre la programmazione prosegue con una commedia brillante su amori, tradimenti e gelosie: Una bugia tira l’altra, scritta e diretta da Luigi Russo.
Giorgio presta la sua casa al fedifrago Roberto ogni mercoledì, così lui può incontrarsi indisturbato con la moglie di Roberto.
Ma la moglie di Giorgio, un giorno, rientra in anticipo….
La pièce è interpretata da Gianni Ferreri, Nathalie Caldonazzo, Nicola Canonico, Chiara Mastalli e Cecilia Taddei. Dal 13 al 16 Novembre va in scena un classico del teatro di tutti i tempi, liberamente tratto da Rostand: Cyrano.
Al mio amore, per la regia di Enrico Maria Falconi.
La pièce ripropone l’intramontabile storia di Cyrano messa in scena per raccontare un percorso d’amore, una ricerca romantica dei sentimenti e una riscoperta dell’anima.
Tra gli interpeti Enrico Maria Falconi, Manuela Zero, William Verolini, Giuseppe Scoglio, Simone Luciani, Francesca Piersante, Rachele Giannini, Matteo Schiavo. Dal 20 al 23 e dal 27 al 30 Novembre è in scena A-men.
Gli uomini, le nuove religioni e altre crisi scritto da Walter Leonardi e Carlo Giuseppe Gabardini, per la regia di Walter Leonardi; A-Men è un racconto sempre in bilico fra ironia, dramma e poesia, ma è anche uno studio sulla crisi esistenziale, intesa come cambiamento.
Durante uno stand-up, un attore comico entra in crisi davanti al pubblico; l’unica soluzione che gli viene in mente è quella di scappare dal palco. Dal 4 al 7 dicembre va in scena Ciancicagnocchi, scritto e diretto da Gabriele Mazzucco.
La pièce è un affresco dissacrante e contemporaneo sulla Roma Papalina, vista dagli occhi di un ragazzo protagonista della Seconda Repubblica Romana.
Chiamato in causa dai rivoluzionari intenti a far cadere Pio IX, Ciancicagnocchi aiuterà il Triumvirato a prendere il potere, scoprendo man mano pregi e difetti della politica. Dall’ 11 al 14 Dicembre è la volta de L’arte della commedia (ovvero impercettibili sfumature) di Eduardo de Filippo per la regia di Paolo Perelli.
Una nuova intrigante rappresentazione di un classico di Eduardo.
Una commedia pungente che la Compagnia dell’Essenza ripropone scandita dalle musiche dei 99 Posse rifuggendo dagli stereotipi della tipica commedia napoletana. Dal 18 al 21 dicembre va in scena Snoopy – Il musical, adattamento di Antonio Melissa.
È la trasposizione teatrale della più popolare strip a fumetti di tutti i tempi, i “Peanuts”, che torna in uno spettacolo adatto a grandi e piccini.
Con Antonio Melissa, Claudia Greco, Luca Di Zopito, Marina Marchione, Claudio D’Angelo, Claudia Mordanini e Giusy Martone. Dal 26 al 28, il 30 e 31 Dicembre e dal 3 al 6 gennaio arriva Il matrimonio può attendere di Diego Ruiz, diretta da Nicola Pistoia.
Una esilarante commedia che da oltre dieci anni va ancora in scena.
Meglio single che male accompagnati… ma anche a quarant’anni? Chiedetelo a Diego e Francesca e riderete fino alle lacrime.
Interpretata da Francesca Nunzi e Diego Ruiz. Dall’ 8 all’11 e dal 15 al 18 Gennaio un’altra commedia brillante è in scena con Due donne e un delitto di Valentina Capecci per la regia di Massimo Natale.
Un omicidio è il pretesto per dare avvio alla pièce incentrata su uno dei temi più dibattuti del mondo femminile: le donne sono più alleate o competitive tra loro? Giorgia Wurth e Silvia Delfino sono le protagoniste. Dal 22 al 25 Gennaio e dal 29 al 1° Febbraio è la volta di Siamotuttigay, scritto e diretto da Lucilla Lupaioli da un’idea di Marco Marciani.
In un mondo al contrario in cui l’omosessualità è la regola, la ricerca di libertà dei fratelli William e Sheila, entrambi etero, dà avvio a una rocambolesca commedia degli equivoci.
Con Alessandro Di Marco, Michela Fabrizi, Claudio Renzetti, Antonio De Stefano, Martina Montini, Giulia Paoletti. Dal 12 al 15 Febbraio troveremo È senza meno di più, scritto e diretto da Enrico Maria Falconi alle prese con un’altra commedia degli equivoci.
Quando Luigi torna dall’Africa, dove aveva deciso di diventare frate, gli amici gli dicono che, da allora, la sua ex non ha più trovato un fidanzato… Tra gli interpreti Enrico Maria Falconi, Claudia Crostella, Fabio Porchianello, Paola Pelliccia, Rachele Giannini, Sacha Pilara, Manuela Zero, Floriana Gigli, Riccardo Benedetti. Dal 17 al 22 Febbraio va in scena Crollasse il mondo di Alessandra Mortelliti per la regia di Massimiliano Farau.
Reginaldo e Luisa sono due mondi distanti.
Eppure, da una convivenza coatta, il passato che man mano viene alla luce salderà le loro vite in un destino comune con un imprevisto riscatto finale, al limite dell’onirico.
Alessandra Mortelliti e David Coco ne sono gli interpreti. Dal 26 Febbraio al 1 Marzo arriva Tra moglie e marito non mettere il dito, scritto e diretto da Claudio Gnomus.
Una divertentissima commedia in cui i misteri esistenziali della vita di coppia saranno svelati.
La interpretano Claudio Gnomus, Sara Adami, Francesca La Scala. Dal 3 all’8 e dal 10 al 15 Marzo è in scena l’impegno, con L’ultimo volo di Gianni Clementi per la regia di Claudio Boccaccini.
Buenos Aires, estate ’78.
Sono gli anni della dittatura militare di Videla.
La città si appresta a vivere la finale dei mondiali di calcio con l’Argentina padrona di casa.
All’emozione si mescolano i sogni di un gruppo di liceali, ma anche le angosce per un regime sanguinario.
Con 14 giovani interpreti e la partecipazione di Paolo Perinelli. Dal 18 al 22 e dal 24 al 29 Marzo si ritorna a una commedia brillante sull’amore saffico con Amaranto inatteso...
sorprendente amore! di Ilenia Costanza e Luisa Di Maso per la regia di Ilenia Costanza.
L’ordinaria vita di Federica è destinata a essere sconvolta da quando la donna riceve un mazzo di fiori con un biglietto firmato… Michela! con Daniela Morozzi e Noemi Smorra. Dal 9 al 12 e dal 16 al 19 Aprile è in scena La libertà è un colpo di tacco, scritto e diretto da Manfredi Rutelli con Roberto Ciufoli.
Un brillante monologo che racconta La storia del mitico Corinthians, la squadra di calcio guidata da Socrates che contribuì a dare la spallata decisiva alla ventennale dittatura militare in Brasile. Dal 23 al 26 Aprile arriva L’ipocrita di Vincenzo Cerami per la regia di Giancarlo Fares.
Un monologo nel quale si respirano i profumi della vera commedia all’italiana, da Monicelli, a Eduardo, fino ad arrivare ai nostri giorni.
Per la prima volta in scena con Antonio Grosso. Dal 7 al 10 Maggio è in scena Spregevole di Dario D’Amato per la regia di Gabriele Galli.
Spregevole è un rosario della rabbia.
Quella di un uomo perso, stornellatore dell’odio eppure appassionato, che prende Roma e ci cammina sopra diventandone un pezzo di storia.
Edoardo Pesce da voce all’intenso monologo. Dal 14 al 17 Maggio si torna al teatro classico con l’intramontabile Romeo e Giulietta di William Shakespeare in un adattamento di Amalia Bonagura per la regia di Valentina Cognatti.
La storia d’amore più famosa di ogni tempo torna in scena ad opera della Compagnia Jobel Teatro, in un allestimento meraviglioso e originale.
Con Chiara della Rossa, Leonardo Conte, Brian Latini, Francesco Masala, Marinella Montanari, Luca Pellino. Dal 21 al 24 maggio è di nuovo commedia con Pericolo di coppia, di Marco Cavallaro, con Marco Cavallaro, Donatella Barbagallo, Renzo Pagliaroto e regia di Claudio Insegno.
Un excursus ironico sulle dinamiche della vita in due sin dall’età della pietra in cui è impossibile non riconoscersi. Dal 28 al 31 Maggio troviamo M’iscrivo ai terroristi, scritto e diretto da Gabriele Mazzucco.
Favola nera e surreale sulla schizofrenia della società contemporanea. Fuori un attacco di zombie ha sconvolto il mondo.
Dentro, nel magazzino di un parco giochi, Dracula, una zingara dai poteri magici e un senza tetto.
Realtà o finzione? Dov’è la verità? Chiude la stagione dal 4 al 7 Giugno Vestire gli ignudi di Luigi Pirandello per la regia di Ilenia Costanza.
Un classico pirandelliano che mette in scena le vicende di Ersilia, che la porteranno a mentire per “rivestire un’ignuda”, perché tale è la sua anima, come quella di ognuno.
Ma nessuno di noi può vivere senza maschera. Il Comitato artistico del Teatro Ambra Garbatella è composto da Simona Banchi, Valter Casini, Enrico Maria Falconi, Tosca, Massimo Venturiello.

Articoli Correlati