26 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

TEATRO: "Vorrei la pelle nera", la favola soul con Luca Jurman e Ugo Conti

  • TEATRO: "Vorrei la pelle nera", la favola soul con Luca Jurman e Ugo Conti
  Debutter? al Teatro Manzoni di Milano il 14 gennaio?2015 la favola soul "Vorrei la pelle nera" per la regia di Maurizio Colombi. Sul palco l'inedita accoppiata Luca Jurman e Ugo Conti. Scordatevi l'accigliato Jurman

  Debutterà al Teatro Manzoni di Milano il 14 gennaio 2015 la favola soul "Vorrei la pelle nera" per la regia di Maurizio Colombi.
Sul palco l'inedita accoppiata Luca Jurman e Ugo Conti. Scordatevi l'accigliato Jurman nel ruolo di severo insegnante del talent show "Amici" di Maria De Filippi, perché sarà qui impegnato in una storia che farà riflettere e divertire e i cui temi centrali sono l'etica, la dignità, la passione e devozione per la musica e il delicato rapporto fra come appariamo, come siamo dentro, come gli altri ci vedono e percepiscono, e soprattutto su come vorremmo in realtà essere. A completare la commedia, la verve comica di Ugo Conti, le splendide canzoni soul degli anni 60/70/80, la strepitosa voce di Jurman, e un cast di 8 attori-cantanti-musicisti. "Vorrei la pelle nera" non è solo la canzone di Nino Ferrer, ma la versione moderna della favola di "Cenerentola", ricca di trascinanti canzoni, colpi di scena e tutta da ridere. Sinossi La vicenda si svolge in un luogo e in un tempo immaginari.
Siamo nel "Motown Club", tempio della musica soul, ultimo baluardo in cui poter ascoltare vera musica dal vivo.
È un night club rinomato, luogo di incontro per impresari, discografici, artisti e appassionati di musica. Arredato in pieno stile Motown anni Sessanta, sui muri sono appesi i quadri dei più grandi interpreti della black music: James Brown, Ray Charles, Marvin Gaye, Barry White, Stevie Wonder, Whitney Houston e Michael Jackson. A gestire il locale è Gino (Ugo Conti), boss comico e improbabile.
Fissato con la musica afroamericana, ingaggia le migliori band della città con cantanti esclusivamente di colore, ma non sempre di qualità. Luca (Jurman) lavora nel locale come cameriere e sogna di cantare ed esibirsi sul palco del "Motown Club". Una sera Gino, per festeggiare il suo compleanno, decide di accontentarlo.
Ma l'emozione tradisce Luca, che demoralizzato dall'imbarazzante figura torma a servire i tavoli, abbandonando i suoi sogni di gloria. Finita la serata e rimasto in solitudine a riordinare il bar, Luca si siede al pianoforte.
Mentre strimpella maldestramente le note di "Vorrei la pelle nera" ("Hey, hey, dimmi Wilson Pickett / Hey, hey, dimmi tu James Brown / Questa voce dove la trovate / Signor King, signor Charles, signor Brown), evoca i grandi artisti raffigurati nei quadri alle sue spalle.
E come per magia questi prendono vita all'interno della cornice. L'effetto dei quadri che parlano dal vivo è sorprendente e innovativo (si utilizza la tecnica video HD). Dialogano dall'aldilà, ognuno mantenendo le proprie caratteristiche, con un effetto comico che li renderà caricature di loro stessi: Ray Charles (la voce è quella di Pino Insegno) non vede, Whitney Houston è la più sensata, Marvin Gaye è scatenato, Michael Jackson non capisce perché Luca desideri diventare di colore, James Brown e Barry White sono in perenne ed esilarante disaccordo. Lo trasformeranno in un cantante nero dalle incredibili doti canore, in perfetto stile Commonards, grazie ad un effetto di scena, (pelle nera, capelli afro e costume di lustrini). In pochi secondi Luca diventerà la star Leachim (Michael al contrario) e, in incognito, porterà il "Motown Club" di Gino al successo, tanto che un discografico della Sony vuole registrare in diretta un concerto nel locale. Nel frattempo cresce il giallo della scomparsa di Luca, mentre la dolce Chiara (cameriera del locale e innamorata di lui) è disperata. Luca è in crisi: ha finalmente raggiunto il successo ma ha perso la sua identità. Adesso può riconoscere le persone che gli volevano bene da quelle che invece gli volevano male, perché le frequenta come un altro.
Scoprirà così invidie e amicizie, approfittatori e amori. L'equivoco è la parte centrale della vicenda che rende comico e drammatico tutto il contesto. Alla fine Luca decide di ritornare se stesso.
Ma i quadri ancora una volta sono d'accordo fra loro…

Articoli Correlati