19 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CARO AVVOCATO: smaltimento dei processi: avvio del nuovo arbitrato.

  • CARO AVVOCATO: smaltimento dei processi: avvio del nuovo arbitrato.
L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: E' stato pubblicato il decreto-legge n. 132 del 12 settembre 2014 recante "Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia

L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: E' stato pubblicato il decreto-legge n.
132 del 12 settembre 2014 recante "Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo civile", nella Gazzetta Ufficiale n.212 del 12 settembre 2014. Tra le novità, è stata introdotta la possibilità di smaltire le cause arretrate ricorrendo ad un particolare arbitrato composto di avvocati individuati dal Consiglio dell'ordine territorialmente competente. Nelle cause civili dinanzi al tribunale o in grado d'appello pendenti alla data di entrata in vigore del presente decreto, che non hanno ad oggetto diritti indisponibili e che non vertono in materia di lavoro, previdenza e assistenza sociale, nelle quali la causa non e' stata assunta in decisione, le parti, con istanza congiunta, possono richiedere di promuovere un procedimento arbitrale. Il giudice, rilevata la sussistenza delle condizioni di cui sopra, dispone la trasmissione del fascicolo al presidente del Consiglio dell'ordine del circondario in cui ha sede il tribunale ovvero la corte di appello per la nomina del collegio arbitrale.
Gli arbitri sono individuati, concordemente dalle parti o dal presidente del Consiglio dell'ordine, tra gli avvocati iscritti da almeno tre anni all'albo dell'ordine circondariale che non hanno avuto condanne disciplinari definitive e che, prima della trasmissione del fascicolo, hanno reso una dichiarazione di disponibilita' al Consiglio stesso. Il procedimento prosegue davanti agli arbitri.
Restano fermi gli effetti sostanziali e processuali prodotti dalla domanda giudiziale e il lodo ha gli stessi effetti della sentenza. Quando la trasmissione è disposta in grado d'appello e il procedimento arbitrale non si conclude con la pronuncia del lodo entro centoventi giorni dall'accettazione della nomina del collegio arbitrale, il processo deve essere riassunto entro il termine perentorio dei successivi sessanta giorni.
Quando il processo e' riassunto il lodo non puo' essere piu' pronunciato.
Se nessuna delle parti procede alla riassunzione nel termine, il procedimento si estingue.

Articoli Correlati