19 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

EVENTI: Narni Black Festival

  • 1|
Il Narni Black Festival,che si svolger? dal 28 al 30 agosto, a Narni in provincia di Terni, ? ormai una manifestazione consolidata che raccoglie? interesse e partecipazione, ed ? diventato un evento che ha raggiunto una

Il Narni Black Festival,che si svolgerà dal 28 al 30 agosto, a Narni in provincia di Terni, è ormai una manifestazione consolidata che raccoglie interesse e partecipazione, ed è diventato un evento che ha raggiunto una dimensione e un grado di conoscenza che permette di annoverarlo tra i grandi festival nazionali, punto di riferimento per gli artisti internazionali che vi partecipano e per tutti gli amanti della black music. Sul palco del Narni Black Festival si sono esibiti nel corso degli anni tra gli altri: Ike Turner, purtroppo scomparso, Kool and the Gang, Gloria Gaynor, Dionne Warwick, Salomon Burke, George Benson, George Clinton, Dee Dee Bridgewater. Ad aprire l’edizione 2014 di Narni Black Festival,giovedi 28 agosto,al teatro Comunale di Narni uno straordinario trio di virtuosi: Rita Marcotulli, pianista di fama internazionale, Luciano Biondini, fisarmonicista eclettico di grande spessore artistico e Israel Varela, tra i batteristi più originali del panorama musicale mondiale.
Insieme formano un trio di qualità eccelsa in grado di deliziare il pubblico tramite un virtuosismo mai fine a se stesso, ma sempre al servizio dell’emozione che la loro musica sa offrire. Rita Marcotulli ha avuto una carriera subitotravolgente collaborando dall’ inizio degli anni ’80 con il “gotha” del jazz europeo: Chet Baker, John Christensen, Palle Danielsson, Peter Erskine, Steve Grossman,Joe Henderson, Hélène La Barriere, Joe Lovano, Charlie Mariano, Tony Oxley,Michel Portal, Enrico Rava, Michel Bénita,Kenny Wheeler, Pat Metheny.
Dal 1988 al1990 fa parte della band di Billy Cobham.
Tra il 1994 ed il 1996, collabora con Pino Daniele, e poi con molti altri musicisti..L’intimità della sua musica, la sua grande profondità, i suoi arrangiamenti delicati,le permettono di spaziare e di cercare interconnessioni con le altre forme artistiche.Ma, oltre alle influenze sonore, le composizioni di Rita Marcotulli nascono anche dall’ incontro con altre esperienze artistiche,letterarie, visive, e, naturalmente, cinematografiche.
Rita Marcotulli ha vinto il Premio Ciak d'oro ,il Nastro d'argento e il David di Donatello per la miglior colonna sonora del film "Basilicata Coast to Coast" di Rocco Papaleo.
Ha vinto il Top Jazz edizione 2011 come miglior musicista dell’anno. Venerdi 29 agosto, Doctor 3.
Un grande successo di critica e di pubblico accompagna Doctor 3 sin dall’esordio e per tutti i primi undici anni di vita.
I loro cd ottengono numerosi premi come miglior disco jazz (1998,1999,2001) e il gruppo si esibisce in Italia, dove in poco tempo diventa il beniamino del pubblico jazz, e non solo quello degli “addetti ai lavori”, ma anche in Europa, negli USA, in Cina, in Brasile e nel Nord Africa.
Ma come spesso succede,nel 2009, il gruppo si scioglie, un passaggio inevitabile, fisiologico, e Doctor 3, pur avendo rappresentato un raro esempio di longevità non sfuggono a questa logica.
La sosta,comunque,e a loro utile per ritrovare nuovi stimoli e maturare nuove esperienze personali.
Nel 2014 Danilo Rea, Enzo Pietropaoli e Fabrizio Sferra, decidono di ritrovarsi per riprendere insieme il viaggio interrotto, con nuove idee, nuovo entusiasmo, unendo il patrimonio di crescita individuale degli anni trascorsi in lontananza. Esce quindi, a giugno 2014 il nuovo cd di Doctor 3,dal titolo Doctor 3(Parco della Musica Records, in associazione con Jando Music), seguito da un tour in tutta Italia, con l’anteprima in concerto il 21 maggio, all’Auditorium Parco della Musica di Roma.
Questo nuovo lavoro discografico si colloca in una posizione innovativa rispetto ai precedenti, non ci sono più le imprevedibili scorribande musicali da un brano all’altro, anche se questo procedimento creativo non potrà inevitabilmente mancare nelle perfomance live. Quello che possiamo considerare costante, la cifra stilistica del gruppo da quasi vent’anni, è il repertorio, che conferma una apertura a tutti i generi. Tra i 12 brani scelti per il cd, c’è una netta prevalenza di derivazione anni ’60 e ’70: David Bowie, The Doors, Bee Gees, Beatles,Henry Mancini, Carole King, Leonard Cohen, e incursioni nelle origini del jazz con standard, di Irving Berlin.
Il viaggio musicale di Doctor 3,continua, e le storie da raccontare sono ancora molte.
Sabato 30 agosto, chiusura del Narni Black Festival con i Manhattan Transfer,senza dubbio il gruppo vocale più importante e famoso degli ultimi quaranta anni.
Amatissimi in tutto il mondo, i Manhattan Transfer sprigionano un’energia e una comunicativa sul palcoscenico senza uguali.
Profondi conoscitori del jazz classico (d’altronde il loro nome deriva dall’omonimo celebre romanzo di Dos Passos dedicato alla New York degli anni ’20, la cosiddetta “Era del Jazz”), i quattro offrono dal vivo un entusiasmante spettacolo di un secolo di musica americana.
Autentici virtuosi della voce, la band è uno dei quartetti vocali più famosi al mondo.
Il gruppo, nasce per iniziativa di Tim Hauser nel 1969.
Determinante è l’incontro, avvenuto tre anni dopo, con la vocalist Laurel Massé, la cantante folk Janis Siegel e l’attore di musical Alan Paul, in quel periodo impegnato a Broadway in Grease.
Il successo dei quattro è crescente: dopo le prime esperienze nei club di New York, nel 1975 il gruppo partecipa ad uno show televisivo per la CBS e incide il primo album, The Manhattan Transfer, cui fanno seguito Coming out (1976), Pastiche (1978) e The Manhattan Transfer live (1978), album di grande successo soprattutto in Europa.
Quando nel 1978 Laurel Massé lascia il gruppo e al suo posto entra Cheryl Bentyne, i Manhattan Transfer si affermano definitivamente anche in America: con il brano Birdland, firma musicale del gruppo, si aggiudicano i primi di una lunga serie di Grammy.
Nel corso degli anni ‘80 i Manhattan Transfer conquistano un premio dopo l’altro e si impongono come il gruppo vocale per eccellenza, spaziando dal jazz al pop.
Nel settembre del 1983 esce Bodies and soul, seguito – a un paio d’anni di distanza - da Vocalese, quest’ultimo lavoro da dodici nominations ai Grammy di quell’anno.
Nel 1991 i Manhattan realizzano The off beat of avenues per la Sony; tornati alla Atlantic vengono pubblicati Tonin’, The Manhattan Transfer Meets Tubby the Tuba e Swing, del 1997.
La collaborazione con la Atlantic termina con The spirit of st.Louis (2000), dedicato alla musica di Louis Armstrong.
Il gruppo passa così nel 2003 alla Telarc Label con cui esce prima Couldn’t Be Better, disco dal vivo, e poi Vibrate del 2004.
Nel 2006, invece, è la volta di The Symphony Sessions, una collezione di brani del gruppo arrangiati per orchestra.
Segue The Definitive Pop Collection. Oltre ai concerti nel Teatro Comunale,Narni Black Festival presenterà una serie di concerti gratuiti,in alcune delle piazze più caratteristiche di Narni:Gil Badarò il 28 agosto in Piazza Garibaldi,Valerie and the Monkey Man il 29 agosto in Piazza Garibaldi,Natalia Green e My Dirty Face,il 29 agosto in Piazza Garibaldi Inoltre Cool Movement che si propone di dare risalto ed importanza ad artisti emergenti presenterà :.
Samuele Kamikaze Project il 28 agosto ore 18.00 in Piazza dei Priori,The Whips il 29 agosto ore 18.00 in Piazza dei Priori e Concabbanda il 30 agosto ore 18.00 in Piazza dei Priori E ancora, tre giorni di teoria e pratica curati da Andrea Boccalini, uno dei fotografi jazz più affermati in ambito nazionale ed internazionale per conoscere ed approfondire le tecniche della fotografia di scena ed acquisire una rinnovata visione della musica vista e sentita da dietro un obiettivo.

Articoli Correlati