25 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Ecco perché ci mangiamo le unghie!

Vedere qualcuno mangiarsi le unghie?o, addirittura, farlo in prima persona ? una cosa piuttosto comune e, in termini, scientifici viene definita onicofagia. ? un comportamento di tipo compulsivo molto frequente, che spesso ha

Vedere qualcuno mangiarsi le unghie o, addirittura, farlo in prima persona è una cosa piuttosto comune e, in termini, scientifici viene definita onicofagia.
È un comportamento di tipo compulsivo molto frequente, che spesso ha come soggetti bambini e adolescenti, ma che si manifesta anche in soggetti adulti e come tutte le attività di questo genere ha delle motivazioni psicologiche ben precise. Ecco perché noi di CheDonna.it abbiamo deciso di parlarne alle nostre lettrici, spiegando quali sono le cause, secondo gli esperti, per le quali ci capita di mangiare compulsivamente le nostre unghie. Onicofagia, cause e motivi di questo comportamento Secondo gli psicologici, chi si mangia le unghia manifesta visivamente un disagio maturato nell’ambito familiare.
Per quel che riguarda i bambini e gli adolescenti, la causa di tale disagio può essere banalmente la nascita un fratellino o di una sorellina oppure, in situazioni più gravi, l’ansia derivata dalle aspettative opprimenti che i genitori hanno nei confronti del figlio o dall’assistere ai continui litigi tra il padre e la madre. In tutti questi casi, l’attività di mangiarsi le unghie diventa un passatempo tranquillizzante. Più prove difficili il bambino o l’adolescente sarà costretto ad affrontare più l'onicofagia si incrementerà: infatti, è un modo per far capire la situazione di disagio in cui si è e, in modo trasversale, richiedere attenzione e comprensione. Ovviamente appena il motivo di tensione scompare, scompare anche l’onicofagia. Spesso si tratta di un’attività innocua e saltuaria, ma altre volte può provocare danni alle dita: in tal caso bisognerà contattare uno psicologo per capire e risolvere un comportamento così aggressivo verso se stessi. L’onicofagia è presente, anche, negli adulti: si manifesta maggiormente in soggetti timidi e sottomessi e, in generale, nelle donne. Questi soggetti preferiscono rivolgere l’aggressività nata da una situazione di disagio in cui si trovano, attuando un comportamento autolesionista verso se stessi. Per affrontare il problema, anche in questi casi, bisogna capire quali sono i motivi dell’ansia e del disagio che porta i soggetti a sfogarsi sulle proprie unghie. Mangiarsi le unghie può essere pericoloso sia perché favorisce il trasporto nella bocca di germi che si trovano sotto l’unghia, sia perché, alla lunga, la sostanza adamantina degli incisivi può essere intaccata, aiutando così l’insorgere di carie.

Articoli Correlati