23 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

MUSICA: "Serena più che mai" di Serena Finatti negli store digitali e sul palco del Folkest

Il 21 luglio ? approdato sui grandi canali digitali della musica e non solo, primo fra tutti, ovviamente, Itunes. Il 27 luglio sar? a Spilimbergo in Piazza Garibaldi alle 22.00 all?interno di Folkest per la presentazione

Il 21 luglio è approdato sui grandi canali digitali della musica e non solo, primo fra tutti, ovviamente, Itunes.
Il 27 luglio sarà a Spilimbergo in Piazza Garibaldi alle 22.00 all’interno di Folkest per la presentazione ufficiale del suo nuovo CD. Parliamo di Serena Finatti e del suo Serena più che mai, il recentissimo lavoro discografico arrangiato a sei mani con Andrea Varnier e Mauro Costantini e costruito attorno alla sua personalità di autrice e artista a tutto tondo.
Il Cd è uscito per l’etichetta Folkest Dischi. Al suo fianco, sul palco di Piazza Garibaldi a Spilimbergo e in questa avventura: l’inseparabile chitarrista Andrea Varnier, qui anche in veste di arrangiatore assieme a Mauro Costantini, veterano pianista della scena jazz friulana e italiana, che si è occupato anche delle partiture per il quintetto d’archi.
E poi: il Quartetto Pezzé, rinomato ensemble classico friulano (Nicola Mansutti e Lucia Clonfero violini, Elena Allegretto viola, Mara Grion violoncello); il contrabbassista Simone Serafini, impegnato in alcuni brani anche nel basso elettrico; alle percussioni un altro volto noto della musica in Friuli, Ermes Ghirardini. Ricordiamo che il singolo dell’album è Incantata dal cielo, un lirico e delicatissimo inno alla natura, il grido di un seme che chiede al Vento di poter essere portato fra il rami di un albero per poter germogliare e trasformarsi a sua volta in un altro albero.
Dal singolo è stato tratto il videoclip, online su Youtube per la regia di Chiara Cardinali che si è avvalsa del supporto di Elisa Bolognini, costume designer, Devid Strussiat, poliedrico artista friulano qui in veste di scultore, e Sabina Didonè, truccatrice e hair stylist. Primo disco a portare il suo nome, dopo quasi 15 anni di musica con il suo progetto Deja, Serena più che mai è il frutto di oltre un anno e mezzo di lavoro fra scrittura, revisione e arrangiamento, e raccoglie scorci di vita, esperienze, emozioni, appunti di viaggio, vicende quotidiane e non.
Quasi un diario sonoro.
Dieci brani di cui nove di Serena e uno a firma del prematuramente scomparso Ares Movio, sfortunato cantautore friulano.
Una panoramica completa della sua visione artistica, tra richiami al jazz e alla musica classica, tempi dispari, sonorità balcaniche e orientaleggianti, raffinato pop d’autore e brani a cappella in cui il divertimento e la curiosità di sperimentare con il proprio strumento la fanno da padrone.
Un vero e proprio caleidoscopio di stili e generi, riletti e rivissuti in una chiave molto personale. Come il jazz di “Sospesi Qui”, i pezzi polifonici a cappella come “Serena più che mai” e “Homeless”, il pop raffinato di “Incantata dal cielo”, la dimensione più intimista e cantautorale di “Divenire”, le tendenze progressive di “Sorriso” e le ritmiche dispari, quasi balcaniche, di “Le Cirque des Animaux”.
Un disco ricco, dinamico e sontuosamente arrangiato, grazie anche alla presenza di un quintetto d’archi e alla partecipazione di musicisti di livello internazionale.
“Abbiamo scelto uno staff molto professionale con il quale abbiamo studiato accuratamente ogni minimo dettaglio: dagli aspetti grafici, ai costumi, alla realizzazione delle immagini del videoclip.
E con il quale abbiamo voluto coniugare la progettualità artistica con un grande senso di naturalezza del prodotto finale.
Uno staff professionale, con il quale avere una profonda intesa umana: elemento imprescindibile per dar vita ad un prodotto artistico.” La scelta del titolo, Serena più che mai, allude ad un equilibrio, artistico ed umano: una sorta di punto di arrivo per ripartire per un nuovo, solare viaggio.

Articoli Correlati