21 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Come riconoscere l'intolleranza al lattosio

Tra le varie intolleranze alimentari una delle pi? comuni ? quella al lattosio, un problema che porta non solo al non poter bere latte ma anche a dover escludere dalla dieta tutti i cibi che lo contengono, sostituendoli con loro

Tra le varie intolleranze alimentari una delle più comuni è quella al lattosio, un problema che porta non solo al non poter bere latte ma anche a dover escludere dalla dieta tutti i cibi che lo contengono, sostituendoli con loro variante prive della proteina incriminata. Purtroppo arrivare alla diagnosi dell'intolleranza al lattosio è un percorso spesso non immediato: il soggetto accusa più volte malori prima di capire di quale problema si tratta e così si prolungano sofferenze evitabili grazie ad una smeplice correzione a livello alimentare. CheDonna.it vuole provare a venire in aiuto di chi potrebbe soffrire di tale problema segnalando i primi e più comuni sintomi del disturbo nella speranza di arrivare ad una dignosi precoce e di evitare tanti gravosi mal di pancia. L'unico modo per fare una diagnosi seria e sicura dell'intolleranza al lattosio è il breath test all'idrogeno, un esame non invasivo che si basa sull’evidenza che se uno zucchero non viene assorbito a livello dell’intestino tenue viene fermentato dalla flora intestinale con la formazione di grandi quantità di idrogeno espulse in parte con la respirazione. Per far nascerev comunque un fondato sospetto può bastare anche l'individuazione di alcuni sintomi che ci porteranno poi ad approfondire le indagini.
Scopriamo quali sono. I sintomi più comuni dell'intolleranza al lattosio Alcuni dei sintomi più comuni sono causati prorpio dall'accumulo di idrogeno nel colon e sono: Gonfiore Tensione addominale Dissenteria Flatulenza Meteorismo Nausea Assai importante è però anche notare il tempo che intercorre tra il pasto e la comparsa di tali spie d'allarme: se si tratta di una intolleranza al lattosio dovrebbero intercorrere tra i 30 minuti e le 2 ore tra il pasto e l'insorgere di tali sintomi. E' vero, si tratta di problematiche comuni, ma qualora i tempi dovessero coinvcidere e i disturbi dovessero ripresentarsi più volte in prossimità dei pasti sarà bene procedere con gli accertamenti: si tratta di un piccolo ostacolo facilmente risolvibile, non abbiate paura e la vostra vita migliorerà in breve tempo.

Articoli Correlati
Salute e Benessere
Salute e Benessere