17 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CAMPUS ESTIVI: Come insegnare ai bambini la fotografia

  • CAMPUS ESTIVI: Come insegnare ai bambini la fotografia
Molte persone si avvicinano alla fotografia solo in et? adulta, crescendo con il rimpianto di non aver cominciato prima. In rete sono tante le richieste di genitori che cercano corsi di fotografia spinti dal desiderio dei propri

Molte persone si avvicinano alla fotografia solo in età adulta, crescendo con il rimpianto di non aver cominciato prima.
In rete sono tante le richieste di genitori che cercano corsi di fotografia spinti dal desiderio dei propri bambini, ma ad una domanda così ingente non corrisponde al momento un’offerta altrettanto variegata.
Probabilmente perché si ritiene che un bambino non possa apprendere nozioni troppo tecniche o che comunque la materia sia troppo impegnativa per un’età che punta ad un intrattenimento esclusivamente ludico.
Ma il segreto è quello di trovare il modo giusto di rapportarsi al proprio interlocutore ed assecondare le sue richieste, in modo da poter ampliare sin dalla più tenera età la sua sfera di interessi e la sua propensione ad una visione creativa. I bambini sono estremamente ricettivi e colgono ogni input se fornito nel modo giusto e attraverso il corretto canale, ad esempio quello visivo.
“I bambini, in questa società piena di immagini, hanno sicuramente bisogno di una buona educazione visiva – commenta Serena Del Soldato, Direttrice Artistica de LABottega - ovviamente deve essere trasmessa in un modo semplice, divertente e per loro spontanea come il gioco.
Se li ascoltiamo, capiamo che sono proprio loro a cercare di comprendere le immagini: sono sempre incuriositi dalle storie che una fotografia può raccontare e addirittura da come è stata realizzata.
Dobbiamo soddisfare questa loro spontanea curiosità e dar loro gli strumenti per comunicare.” Essenziale è, dunque, poter catturare l’interesse del bambino e trovare il giusto approccio, in quanto quando si lavora con i bambini le regole del gioco cambiano completamente.
“Il bambino vive il gioco con enorme serietà, investendolo di codici e valori che corrispondono al suo vissuto interiore – spiega Alessandra Carta, consulente per la fotografia per il Settore Cultura della Provincia di Milano - questo emancipa l'insegnante dall'uso di tutte quelle prassi didattiche che ammantano la comunicazione tra adulti e le riduce al necessario.
Lavorando con i bambini il necessario diventa calarsi con loro nel gioco e prenderlo sul serio.
Così il bambino può apprendere con leggerezza, divertendosi e comprendendo empiricamente e per imitazione la bellezza dell'autonomia del linguaggio fotografico.” Bisogna tenere in conto la possibilità che si incontrino delle resistenze nel momento in cui si cerca di aiutare il bambino a guardare il mondo da altri punti di vista, ma ogni difficoltà viene messa da parte nel momento in cui ci si rapporta con predisposizione all'ascolto, incoraggiamento delle iniziative proposte e capacità di rendere semplici concetti complicati.
“I bambini ci ricordano con la grazia di chi sa senza sapere, quali sono le cose di cui abbiamo realmente bisogno per vivere – prosegue Alessandra Carta - Sono degli esploratori per vocazione e spesso durante i laboratori rispondono agli stimoli in modo sorprendentemente creativo e fantasioso.
Lavorando sull'autoritratto, in particolar modo, spesso accostano alla loro immagine "sociale", la rappresentazione di un'immagine interiore tutt'altro che banale.” Al fine di offrire ai tanti bambini interessati la possibilità di accostarsi al mondo della fotografia, “LABottega - Spazio per la Fotografia” in collaborazione con la “Coop.
Sociale Le Briccole Special” ha dato il via ad “IMMAGINARIA - LABottega MiniLAB”, un campus estivo per bambini tra i 6 ed i 12 anni che allieterà le giornate di quanti vorranno apprendere l’arte della fotografia in una serie di incontri settimanali dal lunedì al venerdì nei mesi di giugno, luglio e agosto (presso LABottega, viale Apua, 188, Marina di Pietrasanta). Ogni giorno prenderà vita un nuovo laboratorio didattico per insegnare ai ragazzi la prospettiva, l’inquadratura, la messa a fuoco e la composizione fotografica, giocando e divertendosi.
I laboratori sono tenuti da Alessandra Carta, consulente per la fotografia per il Settore Cultura della Provincia di Milano e componente del Servizio Educativo del Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo (Milano), in collaborazione con le educatrici della Cooperativa Sociale Le Briccole Special e lo staff di LABottega. “Abbiamo deciso di proporre questa iniziativa perchè è facilissimo notare una forte e spontanea curiosità dei bambini davanti alle fotografie che abbiamo in mostra.
– racconta Serena Del Soldato, Direttrice Artistica de LABottega - Lo spazio espositivo de LABottega comunica con il nostro ristorante e quando i bambini sono lasciati liberi di giocare dai genitori a cena, amano venire in galleria a scoprire questo nuovo mondo ponendoci sempre mille domande! Hanno iniziato ad allargare il loro bagaglio di conoscenze, a cogliere la differenza tra i quadri e le fotografie e ad accettare addirittura che alcune immagini siano in bianco e nero!”

Articoli Correlati