23 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Incidente assurdo: voleva farsi suggerire all’esame e invece...

  • Incidente assurdo: voleva farsi suggerire all’esame e invece...
Ve lo avevamo gi? detto in Cinque cose da sapere sull?esame della patente:?non c?? prova capace di spaventare pi? di questa se non l?esame di maturit? e sar? forse per tale motivo che chi lo affronta ? maggiormente propenso a

Ve lo avevamo già detto in Cinque cose da sapere sull’esame della patente: non c’è prova capace di spaventare più di questa se non l’esame di maturità e sarà forse per tale motivo che chi lo affronta è maggiormente propenso a cercare aiutino o escamotage.
Ecco allora che lo scritto dell’esame si trasforma in una vera e propria galleria della copiatura, una carrellata di tecniche quantomai fantasiose per evitare di cadere in qualche stupido errore e giocarsi così la prova. Risultato? Be’, qualche volta può anche esser radioso ma in altre circostanze si rischia di scadere nel grottesco o persino in qualche assurda situazione.
Un esempio? La storia che CheDonna.it vuole narrarvi oggi ci pare davvero perfetta. L’attualità ci racconta infatti questa mattina di un curioso incidente accaduto a Milano in un’aula della Motorizzazione civile di via Cilea. L’incidente assurdo dell’auricolare esploso durante il quiz per la patente Lo scenario è quello dei quiz di teoria per prendere la patente e tra gli esaminandi c’era anche A.L., classe 1982, originario del Pakistan e residente a Pioltello.
Il ragazzo forse non si sentiva molto preparato oppure voleva semplicemente assicurarsi il successo al di fuori di ogni possibile dubbio e così ha deciso di ricorrere ad un escamotage nemmeno troppo originale: auricolare nell’orecchio e aiutante che da casa suggeriva le risposte.
Una tecnica più che collaudata e che avrebbe dovuto garantire il risultato voluto se non fosse che quando la sorte avversa ci mette lo zampino anche l'impossibile diventa della partita. Un pezzo di chip fa crac nell’orecchio, un fischio assorda il ragazzo, il panico avanza e l'esaminando si autosmaschera. In pochi secondi il tentativo di aiuto da casa è bruciato ed al suo posto arrivano i vigili e l’ambulanza che scortano il truffaldino candidato al San Carlo: l’orecchio è salvo ma 640 euro di multa per truffa fanno forse ancor più male dello scoppio dell’auricolare.
Di foglio rosa e patente non se ne parlerà per un bel po’, giusto il tempo di trovare un altro aiutino per quel maledetto quiz o forse meglio di no?