21 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Cinque cose da sapere su New York

Cinque cose da sapere prima di andare a New York Tutti sognano di ritrovarci prima o poi a sorseggiare cappuccino lungo la Fifth Avenue, magari sbirciando nella vetrina di Tiffany come in un famoso film, e quando poi il momento

Cinque cose da sapere prima di andare a New York Tutti sognano di ritrovarci prima o poi a sorseggiare cappuccino lungo la Fifth Avenue, magari sbirciando nella vetrina di Tiffany come in un famoso film, e quando poi il momento arriva vogliamo goderlo al meglio.
Cosa bisogna allora sapere per garantirsi una permanenza da sogno a New York? Ecco cinque importanti nozioni da tenere a mente durante un giro nella Grande Mela. Gli ostacoli che rischiano di minare la serenità della vacanza sono per lo più collegati agli aspetti più pratici e apparentemente banali della quotidianità: pagamenti, pasti, spostamenti, tutti minuscoli dettagli su cui però si rischia di inciampare giorno dopo giorno.
Per evitare allora stress e malumori ecco cinque nozioni che tutti dovremmo sapere prima di volare verso New York: La mancia. Nella Grande Mela questo è argomento serio: non si tratta solo di un modo per arrotondare ma di soldi su cui i lavoratori contano per arrivare a fine mese.
La paga base di un cameriere è infatti alquanto magra motivo per cui il cliente è tenuto a versare come mancia il corrispettivo di almeno il 18% del conto, soldi che, badate bene, vanno lasciati a chiunque vi abbia restato un servizio, non solo camerieri ma anche tassisti, parrucchieri & co. Tasse.
Dal negozio al ristorante vi capiterà di imbattervi in numerosi prezzi, leggendo i quali dovrete sempre tenere a mente di aggiungere circa l’8.875%, alias le tasse che non vengono incluse nel prezzo base. Assicurazione sanitaria.
Sembra banale ma dato l’alto costo delle spese mediche in America sarà meglio munirsi di assicurazione prima di partire, altrimenti pregate intensamente che nessun imprevisto giunga a rovinare la vostra vacanza, potreste dover richiedere un mutuo per una semplice distorsione. Acqua in bottiglia.
Qui è una sorta di sostituto dell’oro: se il cameriere vi chiederà di scegliere tra tap water o una battle voi non esitate ad optare per la prima opzione, alias l’acqua del rubinetto, la seconda potrebbe richiedere un salasso del portafoglio.
A new York l’acqua in bottiglia è davvero carissima, ben oltre l’immaginazione. Prenotazioni.
Se a New York volete esser sicuri di poter cenare in un ristorante prenotare è d’obbligo: spesso i locali più famosi hanno tavoli riservati con settimane di anticipo e sarà dunque bene agire di conseguenza.

Articoli Correlati
Senza categoria