15 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

5 cose da sapere su… I Mondiali di calcio 2014

  • 5 cose da sapere su… I Mondiali di calcio 2014
Ecco 5 curiosit? che non vi aspettereste mai sui prossimi Mondiali di calcio in Brasile I prossimi Mondiali di calcio 2014 in Brasile, sembrano essere davvero i pi? costosi della storia tanto che il governo brasiliano si ?

Ecco 5 curiosità che non vi aspettereste mai sui prossimi Mondiali di calcio in Brasile I prossimi Mondiali di calcio 2014 in Brasile, sembrano essere davvero i più costosi della storia tanto che il governo brasiliano si è limitato ad affermare che il costo totale ammonterebbe a 15 miliardi di dollari mentre i media riportano una cifra pari a 60 miliardi.
Tra rivolte, entusiasmi e malcontenti, il fatto è che i Mondiali partiranno il 12 giugno e noi siamo qui a svelarvi alcune curiosità che forse non sapevate: 1) Lo stadio si trasformerà: dopo la fine della kermesse calcistica, lo stadio di Manaos verrà trasformato in un carcere a causa del sovraffollamento di quelle esistenti.
La struttura può ospitare 44mila persone e quindi perfetto per le esigenze giudiziarie. 2) Sì agli alcolici: solitamente in Brasile c’è una legge molto severa che vieta l’alcol negli stadi ma questa cosa è stata ritenuta intollerabile dal segretario generale dell’organizzazione Jérôme Valcke il quale ha affermato che gli alcolici sono parte fondamentale dei Mondiali.
Così è stato creato un emendamento temporaneo per permettere l’uso di alcol negli stadi durante i Mondiali. 3) Allarme sanitario: le autorità hanno lanciato l’allarme di una possibile epidemia di dengue (una malattia tropicale infettiva) e quindi stanno cercando di adottare tutte le misure preventive necessarie tra cui la diffusione di zaini sanitari con tutto il necessario. 4) Potere del marketing: Se vi state chiedendo quanti saranno gli sponsor per le selezioni del Mondiale, vi rispondiamo subito che sono soltanto 2: Nike e Adidas le quali, si sono aggiudicate il vero monopolio del Mondiale.
Nike sponsorizza: Brasile, Olanda, Inghilterra, Portogallo, Francia, Grecia, Australia, Stati Uniti, Croazia e Corea del Sud.
Adidas invece: Argentina, Germania, Spagna, Nigeria, Colombia, Russia, Giappone e Messico. 5) Italia dice no ai social: secco il divieto di Prandelli all’utilizzo dei social network verso i suoi campioni.
Vi starete chiedendo perché e la risposta è da ritrovare nei soliti infelici exploit di Mario Balotelli il quale, nella scorsa edizione dei Mondiali, ha reagito in modo sbagliato su twitter ad un titolo del Corriere della Sera.  

Articoli Correlati