16 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

LIBRI: 'Guarire la malattia che non c’è'

  • LIBRI: 'Guarire la malattia che non c’è'
Sottoporsi in continuazione a visite ed esami, oppure, all?opposto, ignorare sintomi reali rifiutando l?idea di dover affrontare un controllo medico.?I due volti di una stessa paura nascosta e il desiderio assoluto?di ottenere il

Sottoporsi in continuazione a visite ed esami, oppure, all’opposto, ignorare sintomi reali rifiutando l’idea di dover affrontare un controllo medico. I due volti di una stessa paura nascosta e il desiderio assoluto di ottenere il medesimo obiettivo: scongiurare la malattia. Ma da dove nasce la paura delle malattie? Quali sono le cause che la scatenano? Quali strategie o terapie possono aiutarci a superarla o almeno a tenerla sotto controllo? È possibile sconfiggere questo fantasma? Con questo libro, rivolgendosi agli ipocondriaci e ai loro familiari, gli autori accompagnano in modo rassicurante ed esauriente alla scoperta della paura della malattia e di come affrontarla, perché si possa tornare a vivere il momento presente apprezzandolo fino in fondo e in piena serenità. La paura delle malattie esiste da sempre, poiché la malattia è indissolubilmente legata alla vita, ma mai come oggi si è consapevoli dell’importanza della salute, alla quale dedichiamo attenzioni a volte persino eccessive.
Certo, tutti ci preoccupiamo di condurre uno stile di vita sano, quando però è la paura di ammalarsi a prendere il sopravvento, allora può facilmente degenerare in un disturbo psichico.
E lo fa in modo subdolo, assumendo due forme apparentemente contrarie. Esistono infatti i “sani che si credono malati” e i “malati che si credono sani”.
Da un lato, l’ipocondriaco manifesta la tendenza a voler spiegare ogni minimo sintomo sottoponendosi a continui esami diagnostici; sul fronte opposto il patofobico esprime la sua paura negando ogni sintomatologia, rifiutando consulti medici per il timore di trovarsi faccia a faccia con lo stato inaccettabile di “ammalato”. Due volti, dunque, che però sono espressione di un medesimo problema in grado di avvelenare la vita di chi ne soffre e anche delle persone che gli sono vicine. Ecco allora l’importanza di questo manuale d’aiuto che, scandagliando la paura della malattia a trecentosessanta gradi, la fa prima comprendere per poi aiutare a vincerla. Hans Morschitzky è psicologo e psicoterapeuta.
Lavora presso una clinica statale a Linz in Austria, e contemporaneamente svolge la libera professione.
Dei suoi libri, sono già stati pubblicati in italiano Vincere la paura del fallimento e L’arte di stare con gli altri (Urra, 2013). Thomas Hartl è un giornalista scientifico ed è co-autore, insieme ad Hans Morschitzky, di L’arte di stare con gli altri.

Articoli Correlati