20 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

LIBRI: 'Il segreto della vera ricchezza. Dialogo tra un economista e un povero'

  • 22|
?Il professore [...] dimentic? l?auto blu che lo aspettava, la cena di gala e i suoi impegni. Volle conoscere meglio l?eremita, e non esit?a rivolgergli una nuova domanda: ?Vi prego, ditemi chi siete e perch?vi trovate qui a

“Il professore [...] dimenticò l’auto blu che lo aspettava, la cena di gala e i suoi impegni.
Volle conoscere meglio l’eremita, e non esitò a rivolgergli una nuova domanda: ‘Vi prego, ditemi chi siete e perché vi trovate qui a recitare i versi di un mistico indiano di cinque secoli fa.
Voi mi sembrate un uomo straordinario’.” Un pomeriggio di settembre sulla riva del Capo Boeo – il simbolico “capolinea d’Italia”, affacciato sulla costa africana – avviene l’incontro casuale fra un celebre professore di economia e un povero pensionato, uomo che ha compreso il significato della vera felicità dopo aver vissuto il dramma della perdita del lavoro e di tutto ciò che credeva di possedere.
In un dialogo intenso e a volte aspro, che dura per tutta la notte fino al sorgere del sole, l’economista e il povero affrontano le questioni centrali del mondo di oggi sconvolto da una crisi economica e morale forse irreparabile che pone al centro domande essenziali, che trovano risposta nelle tradizioni spirituali e sapienziali di ogni tempo e cultura: che cos’è veramente la ricchezza? E come la si consegue? Massimo Jevolella studia da decenni le tradizioni spirituali dell’Occidente e dell’Oriente.
Ha collaborato con l’Istituto di Storia della filosofia dell’Università Statale di Milano e pubblicato studi su Al-?az?l?, Ibn ‘Arab?, Ibn as-S?d, R?m?, Dante, Maimonide e altri mistici e filosofi medievali.
Il tema dell’utopia è sempre stato al centro dei suoi interessi, dalla tesi di laurea in Filosofia, Surrealismo e utopia (1974), fino al recente saggio Naw?bit: i “germogli” della Città Eccellente in Al-F?r?bi, Ibn B???a, e nella tradizione platonica che li ispirò (2013).
È autore della prima traduzione italiana in versi del Romanzo della Rosa di Guillaume de Lorris (1983).
Ha tradotto dall’arabo e curato per Urra Il collare della colomba di Ibn .Hazm (2010), e l’ampia antologia coranica Corano, libro di pace (2013).
Tra i suoi libri di narrativa e di saggistica ricordiamo I sogni della storia (1991), Non nominare il nome di Allah invano (2004, con postfazione di Franco Cardini), Le radici islamiche dell’Europa (2005), Saladino, eroe dell’Islàm (2006, finalista al Premio Latina di Saggistica 2007), Rawà, il racconto che disseta l’anima (2008) e Ma liberaci dal mal di denti (2010). Notizie più ampie sulla sua biografia e sulle sue opere si trovano nel sito: www.massimojevolella.it

Articoli Correlati