25 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Ricetta marmellata di arance amare

La confettura italiana pi? conosciuta nel mondo: ecco per voi la ricetta della marmellata di arance amare! La marmellata di arance amare ? forse una delle pi? famose nel mondo: un po' perch? il Regno Unito ne ha fatto il suo

La confettura italiana più conosciuta nel mondo: ecco per voi la ricetta della marmellata di arance amare! La marmellata di arance amare è forse una delle più famose nel mondo: un po' perché il Regno Unito ne ha fatto il suo emblema, un po' perché il gusto particolare è difficile da dimenticare.
E noi italiani siamo tra i fortunati ad avere l'ingrediente principale che cresce direttamente in casa: stiamo parlando degli alberi di arance amare, che in questo periodo invadono la Sicilia con i loro frutti aranciati.
Perché non imparare a preparare anche la marmellata? A voi la ricetta! Chi si trova a visitare la Sicilia in questo periodo sarà colpito dall’abbondanza di alberi che adornano strade e giardini con il colore intenso dei loro frutti.
Si tratta delle arance amare che spesso il turista ignaro scambia per quelle dolci e dopo averle assaggiate resta deluso dal sapore aspro e ruvido.
Eppure da questo frutto prevalentemente ornamentale si può ottenere una meravigliosa marmellata: il procedimento è un po’ lungo, ma ne vale la pena. Come preparare la marmellata Prendete un due chili circa di arance, lavatele per bene rimuovendo lo sporco con uno spazzolino da cucina, bollitele nell’acqua per alcuni minuti fino a poterle passare con uno stecchino.
Toglietele dall’acqua bollente e immergetele in acqua fredda in cui le terrete per due-tre giorni cambiando più volte l’acqua.
Infine tagliatele a filetti sottili liberandole dai semi e dai filamenti bianchi.
Pesarle e metterle a cuocere con 140 grammi di zucchero per ogni 100 grammi di frutto (ma, a seconda dei gusti, si può anche metterne 130 per ogni 100).
Far bollire a fuoco basso girando ogni tanto.
Spegnere quando, versata su un piatto, raffreddandosi si addensa.
Versare in barattoli di vetro scaldati al forno e avvitare il coperchio. La preparazione è un po’ lunga ma l’uso che può farsi di questa marmellata è veramente gratificante.
Oltre a stenderla su fette di pane imburrate può, per esempio, accompagnare della ricotta fresca come antipasto, un accostamento che vi permetterà di fare un figurone!

Articoli Correlati