26 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

LIBRI: 'Genova, ritratto di una città'

  • LIBRI: 'Genova, ritratto di una città'
Per la prima volta lo sguardo psicogeografico delle nostre?guide culturali si rivolge al nostro territorio. In vista delle gite?primaverili un tuffo nella storia, nell?architettura e nella letteratura?di Genova. Maurizio Fantoni

Per la prima volta lo sguardo psicogeografico delle nostre guide culturali si rivolge al nostro territorio.
In vista delle gite primaverili un tuffo nella storia, nell’architettura e nella letteratura di Genova.
Maurizio Fantoni Minnella riprende un suo vecchio testo aggiornandone la forma e i contenuti e conduce il lettore tra le crëuse che si inerpicano attraverso i terrazzamenti e gli affascinanti e misteriosi vicoli adiacenti al porto, alla scoperta dei luoghi frequentati da Rimbaud e Nietzsche o dell’orto botanico di villa Durazzo-Pallavicini. Città popolare e nobile al contempo, Genova è stata la patria di poeti che non avrebbero potuto scrivere in nessun altro posto: il meriggiare di Montale fa parte del genius loci come la particolare scapigliatura di Dino Campana e Camillo Sbarbaro.
Ma i poeti non finiscono con la poesia e il capitolo “La poesia dei vicoli: l’icona della vergine prostituta nell’opera di Fabrizio De Andrè” pur non dicendo molto di nuovo sulla caratura di Faber – già ampiamente sdoganato come intellettuale – inserisce il popolo genovese come prospettiva per capire la poetica del cantautore più amato d’Italia. Tra gli altri personaggi illustri “genovesi fin nel midollo” si ricorda don Andrea Gallo, di cui l’autore era amico e biografo.
Ecco una frase emblematica “Fedele a se stesso e alle proprie convinzioni fino alla fine, Andrea Gallo, negli ultimi anni, era ovunque vi fosse bisogno di lui e della sua parola, che nasceva non da una complessa teologia o da un pensiero dogmatico, bensì da un irrefrenabile bisogno di giustizia.” Se il passato è ampiamente indagato attraverso i capitoli dedicati all’architettura e a quello sui viaggiatori, letterati e scrittori fra XVII e XX secolo, il presente dai capitoli a cui accennavamo, si parla anche del futuro con suggerimenti urbanistici per le aree lasciate all’incuria forse preziosi per gli amministratori della città… in sintesi il capoluogo ligure come non lo avete mai letto.

Articoli Correlati