18 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CINEMA: Intervista a Eleonora Sergio, protagonista del film “Sotto una buona stella”

  • CINEMA: Intervista a Eleonora Sergio, protagonista del film “Sotto una buona stella”
Chi ? Gemma? Che tipo di donna ?? Gemma ? una donna solare, allegra, vive con il suo compagno (che ? un po? pi??grande di lei) e ha un negozio di arredamento tutto suo, al quale tiene tantissimo.?? una donna molto precisa,

Chi è Gemma? Che tipo di donna è? Gemma è una donna solare, allegra, vive con il suo compagno (che è un po’ più grande di lei) e ha un negozio di arredamento tutto suo, al quale tiene tantissimo. È una donna molto precisa, un’esteta, cura nei dettagli ogni singola cosa; anche la casa in cui vive con il suo compagno è stata arredata da lei con grande gusto e attenzione.
Gemma è una giovane donna in carriera, molto ambiziosa; poi un giorno all’improvviso, tutta questa serenità e questo benessere verranno travolte da un cambiamento repentino, dovuto all’arrivo in casa dei figli del suo compagno. Come avete lavorato alla costruzione del personaggio? Io e Carlo ci siamo sempre confrontati sul personaggio, abbiamo parlato di come lo vedevo io, di come lo desiderava lui e abbiamo trovato ben presto un punto d’incontro. Carlo è un regista che lascia liberi di osare, di sperimentare, di provare, e siamo riusciti a creare il personaggio di Gemma insieme, in modo semplice e costruttivo. Cosa ti ha colpito della sceneggiatura di “Sotto una buona stella”? Devo dire che mi è piaciuta tutta la storia raccontata in “Sotto una buona stella”, è una commedia malinconica ed emozionante, che tratta problemi attuali che in qualche modo riguardano tutti: parla di rapporti genitori e figli, di famiglie allargate, di padri poco presenti, di figli che non hanno avuto un’educazione adeguata, di uomini che si ritrovano da soli perché hanno fatto errori, di uomini che non sanno prendere decisioni.
È una sceneggiatura vera, con tanti significati e con dei momenti molto emozionanti che fanno sorridere e riflettere. Che tipo di provino ti ha fatto Carlo? Quella del provino è stata un’esperienza unica! Innanzitutto devo ammettere di aver sempre desiderato lavorare con Carlo, era un sogno nel quale ho sempre creduto, ci ho sempre sperato.
Il provino è durato tantissimo, dalla mattina presto fino al primo pomeriggio: insieme a Carlo c’era il direttore della fotografia Ennio Guarnieri e molte altre persone.
Io ero molto emozionata perché non capita tutti i giorni di fare un provino con Carlo Verdone, già essere lì era per me un traguardo, ero contenta ma anche molto concentrata perché sapevo di dover dare il massimo.
Dopo il provino sono andata via sapendo che, come spesso accade in questi casi, avrei dovuto probabilmente aspettare molti giorni prima di avere un responso.
Invece il i giorno successivo ho ricevuto questa bellissima notizia ed è stato un giorno indimenticabile per me. Che tipo di esperienza è stata per te quella vissuta con Verdone, regista sceneggiatore, attore? Mi sono trovata benissimo con tutti, Carlo è una persona meravigliosa, molto umana e con una grande anima (e al giorno d’oggi è sempre più raro trovare persone così).
E’ un regista sempre presente con gli attori, sempre disponibile, attento a ogni dettaglio, è geniale e ha un comportamento raro con tutti.
Sul set c’era un’atmosfera di grande armonia, un feeling davvero unico.
Per quanto riguarda il Carlo attore, devo dire che all’inizio è stato per me un po’ difficile recitare con lui perché mi veniva sempre da ridere.
Io ho visto tutti i film di Carlo, e mi ha sempre divertito moltissimo, quindi averlo di fronte e dover scambiare battute con lui all’inizio è stato complicato! Carlo mi ha subito rassicurata dicendomi: “Non ti preoccupare, ti abituerai”, ma ammetto che dovevo pensare a cose molto brutte per non ridere! Ho imparato moltissimo da questa esperienza, sia lavorando con Carlo che solo osservandolo lavorare. Cosa significa per te essere “Sotto una buona stella”? Io posso dire di sentirmi sotto una buona stella in questo momento, perché ho realizzato il mio sogno di lavorare con Carlo Verdone! In generale credo significhi avere sempre l’entusiasmo e la voglia di credere nei propri sogni, avere dentro la forza di non arrendersi mai, di non farsi mai prendere da momenti di sconforto o di scoraggiamento.
E ci vuole una grande forza interiore per rimanere sempre sotto una buona stella!

Articoli Correlati