22 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CINEMA: Intervista a Francesca Inaudi, protagonista del film "La mossa del pinguino"

Descrivi il tuo personaggio... Eva ? una donna forte e dolce insieme, innamorata della vita e della famiglia.?? disposta a perdonare a Bruno intemperanze e follie in nome di quella sportivit?che in fondo con lui condivide. Sulla

Descrivi il tuo personaggio... Eva è una donna forte e dolce insieme, innamorata della vita e della famiglia. È disposta a perdonare a Bruno intemperanze e follie in nome di quella sportività che in fondo con lui condivide.
Sulla lama del rasoio su cui cammina il loro rapporto, Bruno inciamperà imperdonabilmente agli occhi di Eva, nel momento in cui la sua irresponsabilità metterà a repentaglio il futuro del figlio. Raccontaci una cosa divertente accaduta sul set durante le riprese... Quando abbiamo girato la scena in cui Eva picchiò Bruno per essersi fatto fregare dalla finta agenzia immobiliare, l'azione è stata ripetuta diverse volte soprattutto per via dell'inquadratura particolare e della coordinazione tra attori, macchina da presa e movimento, che doveva essere molto precisa.
Dopo diversi ciak, forse per stanchezza, o forse semplicemente perché mi è scappata la mano, Edoardo si è beccato un bel pugno alla bocca dello stomaco...
lui è rimasto piegato e Claudio è arrivato entusiasta: "Questa era perfetta, va nel film!" Com’è stato Claudio Amendola come regista? Umile, gentile, attento, sorridente anche quando arrabbiato (peraltro praticamente mai), preparato, amorevole, entusiasta, insonne, coinvolgente, cialtrone ma con cura, rispettoso di tutti, sicuro, ma senza spocchia, simpatico (che non guasta mai) e...
ho provato a pensare a un difetto ma non me ne viene in mente nessuno. Prima di girare La mossa del pinguino sapevi cosa era il curling ? Sono stata per quindici lunghi anni figlia unica di un padre appassionato di sport invernali, con il quale condividevo la mattina della domenica a tifare per gare di sci e affini.
Quindi stranamente confesso che sì, sapevo cos'era il curling! Avevo pure guardato qualche gara! A tarda ora, di notte, su canali improbabili...
tutto quello spazzolare, le stones che scivolano, l'aplomb dei giocatori...
rilassa!

Articoli Correlati