25 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

LA DONNA DEL GIORNO: Rachel Griffiths

Rachel Griffiths ritrova il regista John Lee Hancock dopo aver interpretato Lorri Morris, la moglie del giocatore di baseball (Dennis Quaid) che aspira alla Major League, nel dramma sportivo del 2002 dal titolo Un sogno una

Rachel Griffiths ritrova il regista John Lee Hancock dopo aver interpretato Lorri Morris, la moglie del giocatore di baseball (Dennis Quaid) che aspira alla Major League, nel dramma sportivo del 2002 dal titolo Un sogno una vittoria. Griffiths è nota al pubblico cinematografico e televisivo di tutto il mondo, per il suo premiato lavoro nella serie drammatica di HBO, vincitrice dell’Emmy®Award, Six Feet Under (che ha ricevuto il Golden Globe® e il SAG® Ensemble Cast Award, e le è valsa due nomination all’Emmy come Migliore attrice protagonista), l’apprezzata biografia del 1998 Hilary and Jackie (nomination all’Oscar® e al SAG), e il suo debutto al cinema Le nozze di Muriel (premi da parte dell’Australian Film Institute e del Film Critics Circle of Australia), in cui incarnava Rhonda, l’infaticabile amica del cuore di Toni Collette. Nata a Melbourne, l’attrice non manca mai alla cerimonia annuale degli Australian Film Institute Awards, dove si è aggiudicata il secondo riconoscimento per Six Feet Under di HBO e un altro premio per la sua performance non protagonista nel film di suspense Beautiful Kate di Rachel Ward.
Ha ottenuto altre cinque nomination come Migliore attrice per le serie televisive Brothers & Sisters (oltre a due candidature al Golden Globe®), The Hard Word, Me Myself and I e Amy.
Ha ottenuto una sesta nomination per aver scritto e diretto il cortometraggio Roundabout del 2003 (oltre ai riconoscimenti da parte del Melbourne International Film Festival e del Film Critics Circle of Australia). Griffiths si è laureata al Victoria College in arte drammatica e danza, quindi ha iniziato a recitare a teatro con le compagnie teatrali di Melbourne e di Sydney.
I suoi lavori teatrali comprendono: “Sylvia” di A.R.
Gurney, “The Sisters Rosensweig” di Wendy Wasserstein, “The Grapes of Wrath” di Steinbeck, “A Doll’s House” di Ibsen e “Proof” di David Auburn, che le è valso il Green Room Award insieme a tutta la compagnia di Melbourne.
Ha esordito a Broadway nel 2011 nella produzione di Jon Robin Baitz “Other Desert Cities”, con Stockard Channing e Stacy Keach. Dopo Le nozze di Muriel Griffiths ha ritrovato il regista P.J.
Hogan nella commedia romantica per il grande schermo Il matrimonio del mio migliore amico.
Ha recitato anche in Benvenuti a Woop Woop di Stephan Elliott, Cosi, al fianco di Toni Collette; Figli della rivoluzione di Peter Duncan, Blow di Ted Demme, con Johnny Depp; Fra i giganti; Divorcing Jack; Very Annie Mary; il remake del 2003 di Ned Kelly con Heath Ledger, Orlando Bloom, Naomi Watts e Geoffrey Rush; Step Up, Mio figlio il fanatico (nomination al British Independent Film Award); Jude di Michael Winterbottom e To Have & To Hold di John Hillcoat. Oltre ai ruoli televisivi nelle serie Six Feet Under e Brothers & Sisters, Griffiths è apparsa nei progetti televisivi Comanche Moon (tratto dal libro di Larry McMurtry), Plainsong, Angel, The Feds, Since You’ve Been Gone e la serie australiana Secrets. Lo scorso anno è tornata in Australia per impersonare il ruolo di Christine Assange nel progetto televisivo Underground: The Julian Assange Story, basato sugli anni formativi del fondatore di WikiLeaks.
Ultimamente ha girato l’horror indipendente australiano Patrick e ha interpretato il ruolo di Mackenzie “Mack” Granger nella serie estiva del 2013, Camp, per NBC.

Articoli Correlati