16 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CARO AVVOCATO: il licenziamento collettivo

  • CARO AVVOCATO: il licenziamento collettivo
L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: ?La Riforma del Lavoro? ha apportato delle significative modifiche alla disciplina sui licenziamenti collettivi. Il licenziamento viene definito collettivo quando in?imprese con pi? di

L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: La Riforma del Lavoro ha apportato delle significative modifiche alla disciplina sui licenziamenti collettivi. Il licenziamento viene definito collettivo quando in imprese con più di 15 addetti si licenziano almeno 5 dipendenti in ogni unità produttiva o in più unità dislocate nella medesima provincia, e comunque nel periodo di 120 giorni. La procedura si avvia con una comunicazione scritta, con cui l’azienda segnala a sindacati, associazioni di categoria e Direzione Territoriale del Lavoro, la volontà di porre in atto il licenziamento collettivo indicando motivi che determinano la situazione di eccedenza di lavoratori, le ragioni tecniche, organizzative o produttive che rendono impossibili misure alternative, il numero, collocazione aziendale e profili professionali del personale eccedente nonchè tempistica con cui la mobilità verrà attuata e le eventuali misure per ridurre le conseguenze sociali. Entro 7 giorni dalla ricezione della comunicazione, e su richiesta dei sindacati, si effettua un esame congiunto in cui si cerca una soluzione alternativa.
Questa fase non può superare i 45 giorni (23 per licenziamenti di meno di 10 lavoratori).
A questo punto il datore di lavoro trasmettere l’esito dell’esame congiunto e le motivazioni alla DTL: questa potrà riconvocare le parti in cerca di un nuovo accordo da raggiungere entro 30 giorni (15 per licenziamenti di meno di 10 lavoratori).
In mancanza di accordo, il datore di lavoro attua il licenziamento comunicando in forma scritta il provvedimento ad ogni lavoratore interessato L’elenco dei lavoratori interessati (nominativi, residenza, qualifica, inquadramento, età, carico di famiglia, modalità di applicazione dei criteri di scelta), va inviato agli Uffici Territoriali del lavoro competenti e alle associazioni di categoria.
Nell’indicazione dei lavoratori da licenziare, il datore di lavoro deve tenere presenti criteri ed esigenze tecnico-produttive e organizzative dell’azienda e quelli indicati da sindacati e associazioni di categoria. In mancanza di queste indicazioni è necessario rifarsi a carichi di famiglia, anzianità e esigenze tecnico-produttive e organizzative.

Articoli Correlati