19 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

LA DONNA DEL GIORNO: Sarah Paulson

  • LA DONNA DEL GIORNO: Sarah Paulson
Sarah Paulson ha gi? al suo attivo una lunga lista di titoli per il cinema la televisione e il teatro, e diverse candidature agli Emmy e ai Golden Globe. In televisione, ? stata tra i protagonisti della seconda stagione della

Sarah Paulson ha già al suo attivo una lunga lista di titoli per il cinema la televisione e il teatro, e diverse candidature agli Emmy e ai Golden Globe. In televisione, è stata tra i protagonisti della seconda stagione della popolare serie “American Horror Stories”, nel ruolo di Lana Winters, per cui ha vinto un Critics Choice Television Award come Migliore attrice in un film o una miniserie.
Era già apparsa in alcune puntate della prima stagione di questa serie, e sarà tra i protagonisti della terza, che andrà in onda nell’autunno di quest’anno. Di recente, la Paulson è tornata al teatro nella nuova produzione di Talley’s Folly, la pièce premio Pulitzer di Lanword Wilson, con la Roundabout Theatre Company.
Tra le sue ultime apparizioni televisive ricordiamo “Game Change” della HBO, con Ed Harris, Julianne Moore e Woody Harrelson.
Premiato dalla critica e diretto da Jay Roach, il film racconta la campagna elettorale di John McCain del 2008, dalla sua scelta di Sarah Palin come sua vice fino alla sconfitta finale.
Per il suo ruolo di Nicolle Wallace, consigliera speciale di McCain (Ed Harris), la Paulson è stata candidata agli Emmy 2012 come Miglior attrice non protagonista in un film, serie o miniserie, e ha ottenuto la sua seconda candidatura ai Golden Globe nella stessa categoria. Di recente, l’abbiamo vista al cinema in MUD di Jeff Daniels, accanto a Reese Witherspoon e Matthew McConaughey, nel ruolo di una donna in fuga da un matrimonio sbagliato.
Il film è stato presentato al Festival del cinema di Cannes 2012, e proiettato al Sundance Film Festival 2013.
Nel 2011, è apparsa in La fuga di Martha di Sean Durkin.
Presentato con grande successo di pubblico e di critica al Sundance 2011, il film è stato candidato a un Gotham Award per il Miglior cast corale, in cui figurano anche Elizabeth Olsen, John Hawkes e Hugh Dancy.
Tra i titoli più recenti della Paulson ricordiamo anche The spirit, del 2008, accanto a Samuel L.
Jackson, Eva Mendes e Scarlett Johansson.
Tratto dal leggendario fumetto, il film è un film d’amore e d’avventura diretto dall’eclettico regista Frank Miller. Ma l’attrice è stata anche tra gli interpreti di La scandalosa vita di Betty Page di Marry Harron, Abbasso l'amore con Renée Zellwegger, Ewan McGregor e David Hyde Pierce, What women want – Quello che le donne vogliono, accanto a Mel Gibson e Helen Hunt, Un amore speciale di Gary Marshall, con Diane Keaton e Juliette Lewis, e Diggers con Paul Rudd e Ken Marino. Sarah Paulson ha ottenuto la sua prima candidatura a un Golden Globe per il film di Aaron Sorkin “Studio 60 on the Sunset Strip”, in cui appariva accanto a Matthew Perry, Amanda Peet, Bradley Whitford e Steven Weber.
Interpretava il ruolo di Harriet Hayes, un’attrice che ha una relazione complicata con il produttore esecutivo della sit-com in cui lavora, interpretato da Perry. Tra i suoi titoli televisivi ricordiamo “Leap of Faith”, nel ruolo della protagonista, “Deadwood”, “Path to War” accanto ad Alec Baldwin e Donald Sutherland, “Jack and Jill”, “Cupid” con Bobby Cannavale, e la serie “American Gothic” con Gary Cole. In teatro, di recente ha interpretato a Broadway Collected Stories, un dramma a due di David Margulies, accanto a Linda Lavin.
In precedenza era stata Laura Wingfield nella ripresa di Lo zoo di vetro di Tennessee Williams, accanto a Jessica Lange.
È anche apparsa accanto a Annette Bening e Alfred Molina nel Giardino dei ciliegi messo in scena con successo dal Mark Taper Forum, in cui interpretava il ruolo di Varja.
Tra le sue altre apparizioni teatrali ricordiamo la produzione off-Brodway Killer Joe con Scott Glenn e Amanda Plummer, per la regia di Tracy Lett; Talking Pictures di Horton Foote al Signature Theatre, e la produzione off-Broadway The Gingerbread House accanto a Bobby Cannavale. Il 20 febbraio, la vedremo al cinema in 12 anni schiavo.

Articoli Correlati