26 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Trucco anni ’70, come si fa?

  • Trucco anni ’70, come si fa?
La make up artist ci insegna a realizzare un trucco anni? 70 -?Cari viaggiatori del colorato mondo del make up, oggi avremo la seconda ospite per il toutorial fotografico. Il suo nome ? Valentina, fa la hostess per una compagnia

La make up artist ci insegna a realizzare un trucco anni’ 70 - Cari viaggiatori del colorato mondo del make up, oggi avremo la seconda ospite per il toutorial fotografico.
Il suo nome é Valentina, fa la hostess per una compagnia di volo ed é affascinata da sempre dai colori e dallo stile anni 70. Niente di più esaltante per me che reinterpretare un periodo storico carico di energie, di cambiamenti, di musica eterna che non ha trovato eguali nella storia ma che la storia l'ha fatta! Ma parliamo molto brevemente dello stile e del make up di questo periodo storico. Gli anni '70 portano con sé un grande rinnovamento: l' immagine e le prospettive della donna subiscono un cambiamento epocale, la donna lavora, cerca e trova la sua indipendenza e attraverso la lotta spezza quella catena che l' ha sempre resa dipendente socialmente ed economicamente dall'uomo. Ovviamente tutto questo rimescolamento di carte ebbe il suo eco anche nella moda e nello stile. In quel periodo finalmente la donna "mette i pantaloni”, cavalca la sua vita, rompe le convenzioni e colora la sua quotidianità di libertà e speranza. Indossa camice colorate, pantaloni a zampa di elefante o shorts cortissimi. Porta capelli lunghi, sciolti in morbide volute o raccolti in foulard e fasce, si erge su zeppe e guarda al futuro con la certezza che i sogni son desideri da realizzare. E il trucco? Occhi profondi e dal finish metal, eye liner molto deciso, vero protagonista, ciglia al limite dell’ artificiale, incarnato perfetto, blush e labbra rigorosamente nude e lucide! Ma veniamo al trucco di Valentina. Per la base ho applicato un primer per il viso e uno per gli occhi, un fondo liquido e ho fissato tutto con una cipria compatta prelevando e applicando il prodotto con un pennello da polveri.
Occorre infatti specificare che questo strumento, a differenza del piumino da cipria, permette di ottenere un effetto più trasparente e naturale. Poi ho applicato un blush color pesca e sono passata agli occhi.
Con un pennello angolato ho applicato un ombretto nero molto pigmentato e glitterato sull’ attaccatura delle ciglia e sulla piega dell'occhio dove la linea deve rimanere molto molto decisa ed evidente.
Infine unisco la linea delle ciglia con quella della piega dell' occhio allungandomi verso l’ esterno: avrò così una V molto evidente. Dall' angolo interno dell'occhio fino al centro della palpebra mobile applico poi un ombretto bianco molto luminoso, stando attenta a non toccare con il pennello la linea nera all' interno della piega dell’ occhio.
Infine fondo insieme le due nuances con un grigio metal. Tocca poi all’eyeliner che ho scelto per l’occasione in un texture gel così da creare una linea ben marcata che dall’attaccatura delle ciglia si allunga verso l’esterno. Passo poi a truccare la rima palpebrale inferiore: con un pennello angolato applico l’ ombretto nero per un effetto molto morbido e riempitivo, prolungo la linea fino ad incontrare le linee della palpebre mobile superiore e con un pennello da eye liner provvedo a rendere tutte le linee decise e pulite. Applico il mascara in modo generoso sia sulle ciglia superiori che inferiori e come ultimo step applico un rossetto dalla consistenza molto leggera color rosso ciliegia. Per l' acconciatura di Valentina ho preferito non esagerare, lasciandoli sciolti in lunghezza e raccogliendoli con una fascia dallo stile e dal colore molto hippy. Eccoci qui arrivati alla fine della nostra tappa che ci ha riportato con la mente a periodi che forse abbiamo vissuto o soltanto conosciuto sui libri di scuola, ma che hanno lasciato dentro di noi un segno indelebile, la voglia di scoprire i sentimenti che abbiamo dentro e di buttarli fuori, gridarli al mondo senza aver paura di essere giudicati ma orgogliosi di essere unici e noi stessi. Assia Pelliccia consulente di immagine e di bellezza JAFRA assia.pelliccia@gmail.com

Articoli Correlati