18 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CARO AVVOCATO: adozione di persona maggiorenne

  • CARO AVVOCATO: adozione di persona maggiorenne
L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Nel nostro ordinamento ? possibile adottare anche una persona maggiorenne, purch? vengano soddisfatti determinati requisiti formali. Secondo quanto stabilito dal Codice Civile,

L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Nel nostro ordinamento è possibile adottare anche una persona maggiorenne, purchè vengano soddisfatti determinati requisiti formali. Secondo quanto stabilito dal Codice Civile, l'adozione è permessa alle persone che non hanno discendenti legittimi o legittimati o che abbiano discendenti legittimi o legittimati maggiorenni e consenzienti, che hanno compiuto gli anni trentacinque e che superano almeno di diciotto anni l'età di coloro che intendono adottare. Quando eccezionali circostanze lo consigliano, il tribunale territorialmente competente può autorizzare l'adozione se l'adottante ha raggiunto almeno l'età di trenta anni, ferma restando la differenza di età di cui sopra. Per l'adozione è necessario l'assenso dei genitori dell'adottando e l'assenso del coniuge dell'adottante e dell'adottando, se coniugati e non legalmente separati. Quando è negato l'assenso previsto, il tribunale, sentiti gli interessati, su istanza dell'adottante, può, ove ritenga il rifiuto ingiustificato o contrario all'interesse dell'adottando, pronunciare ugualmente l'adozione, salvo che si tratti dell'assenso dei genitori esercenti la potestà o del coniuge, se convivente, dell'adottante o dell'adottando. Inoltre il tribunale può sempre l'adozione quando è impossibile ottenere l'assenso per incapacità o irreperibilità delle persone chiamate ad esprimerlo. L'adozione produce i suoi effetti dalla data del decreto da parte del Tribunale e, fino a che il decreto non è emanato, tanto l'adottante quanto l'adottando possono revocare il loro consenso. Se l'adottante muore dopo la prestazione del consenso e prima dell'emanazione del decreto, si può procedere al compimento degli atti necessari per l'adozione ma gli eredi dell'adottante possono presentare al tribunale memorie e osservazioni per opporsi all'adozione. Se l'adozione è ammessa, essa produce i suoi effetti dal momento della morte dell'adottante.

Articoli Correlati