21 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CARO AVVOCATO: la mediazione obbligatoria per le questioni che riguardano il condominio

  • CARO AVVOCATO: la mediazione obbligatoria per le questioni che riguardano il condominio
L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Il D.L. n. 69/2013 (Decreto del Fare), convertito con modificazioni nella Legge n. 98/2013, ha nuovamente introdotto il procedimento di mediazione civile e commerciale, statuendone

L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Il D.L.
n.
69/2013 (Decreto del Fare), convertito con modificazioni nella Legge n.
98/2013, ha nuovamente introdotto il procedimento di mediazione civile e commerciale, statuendone l'obbligatorietà per alcune delle materie di cui all'art.
5 del D.Lgs.
n.
28/2010 e precisamente; condominio; diritti reali; divisione; successioni ereditarie; patti di famiglia; locazione; comodato; affitto di aziende; risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità; contratti assicurativi, bancari e finanziari. La reintroduzione della mediazione deve essere, per ciò che concerne il condominio, letta congiuntamente all’art.
71-quater delle disp.
att.
del c.c.
per le controversie in materia di condominio, introdotto dalla recente riforma in tale materia, entrata in vigore nel giugno 2013. L’articolo in questione chiarisce cosa si intende per condominio con riferimento alle materie reputate obbligatorie nel procedimento di medisazione; la norma dà una nozione ampia di “Condominio” ricomprendendo oltre a tutto il capo II del Titolo VII del Libro secondo, anche gli articoli 61-72 delle disposizione attuative del c.c. Pertanto, oltre alle questioni strettamente riguardanti il condominio inteso come vicende relative alle parti comuni, sono ricomprese anche questioni relative alla responsabilità dell’amministratore (1130-1133 c.c.), l’impugnazione delle delibere assembleari, la riscossione dei contributi condominiali (art.
63 disp.
att.
c.c.), la modifica delle tabelle condominiali (art.
69 disp.
att.
c.c.), l’infrazione dei regolamenti condominiali (art.
70 disp.
att.
c.c.).

Articoli Correlati