20 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CARO AVVOCATO: la Cassazione boccia il collare antiabbaio

  • CARO AVVOCATO: la Cassazione boccia il collare antiabbaio
L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: La Suprema Corte di Cassazione, con una recente sentenza, ha sancito che costituisce reato l'utilizzo del collare antiabbaio per addestrare i cani. Secondo quanto stabilito dai giudici

L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: La Suprema Corte di Cassazione, con una recente sentenza, ha sancito che costituisce reato l'utilizzo del collare antiabbaio per addestrare i cani. Secondo quanto stabilito dai giudici di legittimità tali tipi di addestramento sono fondati sul dolore dell'animale e pertanto ledono il diritto dell'essere vivente di avere una serena esistenza. Il legislatore, come ribadito più volte ha recentemente introdotto una riforma mediante la quale sono stati introdotti nel codice penale dei reati che riguardano il maltrattamento degli animali, i quali non vengono più qualificati dall'ordinamento come "cose" bensì come esseri viventi meritevoli di una tutela ad hoc. Secondo quanto argomentato nella suddetta decisione, l'utilizzo di questo dispositivo rientra nei casi di " un addestramento basato esclusivamente sul dolore, lieve o forte che sia, e che incide sull'integrità psicofisica del cane poiché la somministrazione di scariche elettriche per condizionarne i riflessi ed indurlo tramite stimoli dolorosi ai comportamenti desiderati produce effetti collaterali quali paura, ansia, depressione ed anche aggressività".

Articoli Correlati