22 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

EROS: Giovani a letto sempre più precoci e meno informati

  • EROS: Giovani a letto sempre più precoci e meno informati
Teenager meno informati e pi? irresponsabili sotto le lenzuola. E? quanto emerge da una recente indagine sui comportamenti sessuali dei pi? giovani, condotta per Paid?ss (Osservatorio nazionale sulla salute dell'infanzia e

Teenager meno informati e più irresponsabili sotto le lenzuola. E’ quanto emerge da una recente indagine sui comportamenti sessuali dei più giovani, condotta per Paidòss (Osservatorio nazionale sulla salute dell'infanzia e dell'adolescenza) dal Leo Club (l'associazione giovanile dei Lions) 'Valle del Conca' di Rimini.
Sono state prese a campione sette scuole, intervistando con questionari anonimi ragazzi tra i 15 e i 25 anni di età. Ebbene, ciò che è venuto alla luce è che, per quanto riguarda il primo rapporto sessuale 1 su 5 (19%) dei teenager italiani è sotto i 14 anni. Praticamente quasi il doppio dei giovani, se paragoniamo questi dati alle stime del 2012 che registravano punte del 10%. Ancora peggio va sul tema della contraccezione: solo il 35% dei maschi e il 29% delle ragazze ricorre al preservativo. Nel campione sondato soltanto un esiguo numero di ragazzi dichiarano di voler aspettare ancora qualche anno per sperimentare il sesso. E’ evidente come, anche sul tema della precocità, le percentuali sono in forte calo rispetto a quanto risulta da altre indagini degli ultimi anni: dal 43% del 2011 al 23% del 2012, fino all'odierno 12%. Se possibile va ancora peggio in quanto a consapevolezza di rischi, con rapporti sessuali non protetti: il 73% dei ragazzi non conosce neanche 5 fra le principali malattie a trasmissione sessuale (Mts), il 33% pensa che l'incidenza sia trascurabile e il 57% non sa stimare il tasso di Hiv (Aids). L'88% degli under 25 non sa dove si trovino i consultori nella propria città e, fra loro, poco più della metà (56%) si sottoporrebbe ad una visita, ma nei fatti solo il 23% delle ragazze e il 46% dei ragazzi ha effettuato un controllo a 18 anni. Forse, proprio tutti questi dati allarmanti, dovrebbero far riflettere su come ogni cosa ha il suo tempo.

Articoli Correlati