15 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Giornata della Memoria: per non dimenticare

  • Giornata della Memoria: per non dimenticare
Iniziative in tutta Italia per ricordare le vittime della Shoah Oggi, 27 gennaio, tutta l'Italia si stringe attorno al ricordo di coloro che hanno perso la vita e la dignit? nei campi di stermino nazisti. Milioni di morti, e

Iniziative in tutta Italia per ricordare le vittime della Shoah Oggi, 27 gennaio, tutta l'Italia si stringe attorno al ricordo di coloro che hanno perso la vita e la dignità nei campi di stermino nazisti.
Milioni di morti, e a tutt'oggi non esiste un numero ben preciso, perchè la maggior parte di loro furono bruciati nei forni, lettere dai lager e fotografie agghiaccianti. L'uomo privato non solo della vita, ma della sua dignità, dall'agghiacciante piano di un uomo perverso. Sono queste le immagini che dobbiamo ricordare ogni anno, ogni giorno, perchè una tragedia simile non debba più ripetersi.
Una legge del Governo del 31 luglio 2000 ha istituito il 27 gennaio come Giornata della Memoria, così come recita l'art.
1: "La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonchè coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati".
Un'ombra sulla storia dell'umanità intera, dunque.
Ma quanta tenerezza riesce a evocare un giorno così importante? Pensiamo ad Anna Frank, con i suoi tredici anni che avrebbero dovuto essere spensierati; a Primo Levi, che ha commosso il mondo intero con il suo "Se questo è un uomo"; al film Shindler's List e al cappottino rosso di una bimba bionda.
In ultimo, pensiamo a Roberto Benigni, che con "La vita è bella" ha portato alla luce, con la tragica comicità che solo un premio Oscar come lui poteva immaginare, la tragedia di un popolo oppresso. Ricordiamo.
Guardiamo.

Articoli Correlati