13 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

SCONTRINO CHOC A VENEZIA: 100 euro 4 caffè e 3 amari

  • SCONTRINO CHOC A VENEZIA: 100 euro 4 caffè e 3 amari
Scontrino salatissimo quello che si sono visti recapitare alcuni turisti romani che hanno avuto la malaugurata idea di prendere un caff? proprio nel mezzo di Piazza San Marco, 'salotto buono' veneziano famoso per l'esosit?

Scontrino salatissimo quello che si sono visti recapitare alcuni turisti romani che hanno avuto la malaugurata idea di prendere un caffè proprio nel mezzo di Piazza San Marco, 'salotto buono' veneziano famoso per l'esosità degli esercizi commerciali che in esso operano. 100, 80 euro per 4 caffè e 3 amari.
La foto dello sproporzionato conto presentato dal caffè 'Levana' è stata pubblicata su FB, sollevando una nuova polemica sui prezzi assurdi che vengono operati nella piazza più bella di Venezia. A far lievitare l prezzo totale, già di per sè esagerato, è stata in particolare la voce 'accompagnamento musicale', che ammontava a ben 42 euro.
In pratica, il prezzo di un concerto. Non si scompongono i titolari del caffè: 'Ai turisti viene dato il listino nel quale sono indicati tutti i prezzi, compreso il supplemento per la musica', spiegano.
A difendere il locale interviene anche Ernesto Pancin, segretario provinciale della Fipe, la federazione dei pubblici esercizi.
'Se quei caffè e quegli amari i sette turisti romani li avessero presi cento metri più in là, fuori dalla piazza, avrebbero sicuramente pagato un prezzo diverso'. E aggiunge: 'Sono stufo di questi episodi che attaccano di continuo Venezia e i locali apparentemente da salasso.
Mi sembra che siano persone che non sanno girare il mondo.
Cosa pretendevano di pagare in un caffè che è il top sia nel servizio che nella qualità, seduti in Piazza San Marco e con l'orchestra che suona per loro? Se ne stia a casa certa gente.
Lancio una provocazione: quel caffè per quanto mi riguarda - conclude - sarebbe dovuto costare almeno 20 euro per i costi che hanno le nostre aziende'. Per altri articoli di Attualità clicca qui

Articoli Correlati