23 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CARO AVVOCATO: il legittimo diritto di cronaca del giornalista

  • CARO AVVOCATO: il legittimo diritto di cronaca del giornalista
L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Sempre pi? spesso famosi giornalisti si trovano al centro di vicende giudiziarie perch? vengono chiamati i causa da chi si sente leso in conseguenza della pubblicazione di notizie che,

L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Sempre più spesso famosi giornalisti si trovano al centro di vicende giudiziarie perchè vengono chiamati i causa da chi si sente leso in conseguenza della pubblicazione di notizie che, astrattamente, arrecano nocumento all'onore od alla reputazione. Ebbene, occorre chiarire alcune linee guida dettate dalla giurisprudenza nel corso degli anni al fine di evitare giudizi nei confronti dei professionisti della sopra citata categoria. La responsabilità del giornalista per lesione dell'altrui onore o reputazione è esclusa dal legittimo esercizio del diritto di cronaca e tale esercizio è legittimo sia quando il giornalista riferisce fatti veri, sia quando riferisce fatti che apparivano veri al momento in cui furono riferiti (in virtù del principio della c.d.
verità putativa). Ne consegue che al giornalista, in caso di proposizione da parte del danneggiato dell'azione di risarcimento del danno da diffamazione, per andare esente da responsabilità basta dimostrare non la verità storica dei fatti narrati, ma anche soltanto la loro verosimiglianza; fornita tale prova, è onere di chi afferma di essere stato diffamato dimostrare che la fonte da cui il giornalista ha tratto la notizia, al momento in cui questa è stata diffusa, non poteva ritenersi attendibile. Nel caso di intervista a personaggi famosi, il giornalista può andare esente da responsabilità qualora si limiti a riportare il contenuto di un'intervista ad un personaggio noto che occupa una posizione di alto rilievo nell'ambito della vita politica, economica, scientifica, culturale che rilasci dichiarazioni, pure in sé diffamatorie nei confronti di altro personaggio, la cui posizione sia altrettanto rilevante negli ambiti innanzi indicati. In tal caso, infatti, la notizia è costituita dal fatto in sé delle dichiarazioni rese dal personaggio altamente qualificato, risultando l'interesse del pubblico ad apprenderla del tutto indipendente dalla corrispondenza al vero del suo contenuto e dalla continenza del linguaggio adoperato, con la conseguenza che la predetta notizia merita, anche se lesiva della reputazione altrui, di essere pubblicata, in quanto soddisfa l'interesse della collettività all'informazione.

Articoli Correlati