25 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CARO AVVOCATO: risarcimento del danno per la lesione dei diritti nascenti da coppia di fatto

L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Una sentenza della Suprema Corte di Cassazione, emessa in data 20 giugno 2013, ha nuovamente affrontato il problema dei diritti nascenti dalle unioni di fatto, pervenendo ad una decisione

L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Una sentenza della Suprema Corte di Cassazione, emessa in data 20 giugno 2013, ha nuovamente affrontato il problema dei diritti nascenti dalle unioni di fatto, pervenendo ad una decisione destinata ad aprire la strada verso una più ampia equiparazione tra coniugi e coppie di fatto. Il caso riguarda una coppia che intrattiene una stabile relazione dalla quale nasce un figlio.
Ad un anno dalla nascita del bimbo, l’uomo, disattendendo la promessa di matrimonio fatta alla donna, la lascia per intraprendere un'altra relazione sentimentale, privando la compagna ed il figlio, della necessaria assistenza morale e materiale. La donna allora si rivolge al Tribunale per ottenere dall’ex compagno il risarcimento del danno per violazione degli obblighi familiari.
L'illecito comportamento dell'uomo, ad avviso della difesa della donna, avrebbe provocato una grave lesione dei diritti della medesima e del figlio i quali si sarebbero trovati privi del sostegno economico necessario. La Cassazione, con la decisione in esame, rileva che i componenti della coppia hanno diritto a ricevere tutela e riconoscimento prima ancora che come coniugi, come persone, sulla base della previsione di cui art.
2 Cost.
che riconoscere e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo sia come singolo sia nelle formazioni sociali in cui si svolge la sua personalità.
Occorrerà dimostrare che la violazione abbia causato un danno patrimoniale o non patrimoniale e il nesso causale tra fatto aggressivo e danno. Nel nostro ordinamento si sta assistendo dunque ad una sempre più pregnante equiparazione dei diritti nascenti con il matrimonio ai diritti nascenti invece con la convivenza, intendosi tale la stabile unione tra due persone di sesso opposto, la quale culmina in una vera e propria sussistenza di una famiglia "di fatto".

Articoli Correlati