23 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Pianista ripreso con il cellulare interrompe il concerto

  • Pianista ripreso con il cellulare interrompe il concerto
Zimerman, pianista di fama mondiale, interrompe il concerto perch? ripreso con il cellulare - Una ripresa con il cellulare, il video finisce su Youtube e... il danno ? fatto! Il mondo del Tubo sembra essere divenuto in questi

Zimerman, pianista di fama mondiale, interrompe il concerto perché ripreso con il cellulare - Una ripresa con il cellulare, il video finisce su Youtube e...
il danno è fatto! Il mondo del Tubo sembra essere divenuto in questi ultimi anni un vero e proprio incubo per cantanti e musicisti: la pirateria lì la fa da padrone e capita spesso che un video lì piazzato finisca poi per diventare un insormontabile ostacolo sulla strada dell’artista. Non è dunque un caso se Krystian Zimerman ha usato queste parole per giustificare la clamorosa interruzione del suo concerto al Festival del pianoforte della Ruhr alla Filarmonica di Essen, in Germania: "La distruzione della musica a causa di Youtube è davvero enorme”. Per quanto dettato da una comprensibile preoccupazione, lo strano comportamento assunto dal pianista in questa situzione desta ancora perplessità: vediamo dunque cosa è accaduto. Nel bel mezzo delle Variazioni su un tema popolare polacco in Si minore di Karol Szymanowksi, Zimerman si è reso conto di essere ripreso con il cellulare da uno dei sui spettatori: visibilmente irritato ha intimato all’uomo di smetterla per poi, oramai entrato in confusione per l’accaduto, lasciare il palco rientrando solo dopo interminabili minuti.
Il concerto è poi proseguito dopo la spiegazione di cui sopra ma l’artista ha rifiutato di concedere il bis, annullando poi anche il ricevimento previsto dopo l’evento.
Insomma, un piccolo cellulare ha causato un vero e proprio effetto domino irrefrenabile e distruttivo. Pur con la consapevolezza dei danni che la pirateria informatica causa ogni giorno alla musica viene comunque da chiedersi se un simile comportamento sia accettabile da parte dell’artista di fronte al pubblico pagante: non staremo forse cadendo nell’esagerazione? Che l’irritazione sia diventata la facile scusante per comportamenti francamente un po’ troppo da “prima donna”? Il dubbio rimane.

Articoli Correlati