21 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CARO AVVOCATO: affido condiviso e conflittualità tra i coniugi

  • CARO AVVOCATO: affido condiviso e conflittualità tra i coniugi
L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Molti procedimenti di separazione personale dei coniugi, soprattutto quando ci sono figli minori, sono caratterizzati da un'alta conflittualit? tra i coniugi ed il deterioramento del loro

L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Molti procedimenti di separazione personale dei coniugi, soprattutto quando ci sono figli minori, sono caratterizzati da un'alta conflittualità tra i coniugi ed il deterioramento del loro rapporto non consente una gestione civile di tutte quelle incombenze, anche di natura burocratica, che attengono alla vita ed alla salute dei figli. La Suprema Corte di Cassazione è stata chiamata più volte a pronunciarsi sulla modalità di affidamento dei minori quando tra i coniugi i rapporti non consentono una serena gestione dei figli. E' stato comunque statuito che la conflittualità esistente fra due coniugi non può di per sé, né astrattamente, né con riferimento al caso concreto, giustificare la deroga del regime di affido condiviso che, in conformità all'intenzione del legislatore, è quello più idoneo a riequilibrare la condivisione del ruolo genitoriale in favore dell'interesse preminente dei figli minori, assicurando, per quanto possibile, ad entrambi i genitori, il pieno esplicarsi del loro ruolo.
(Una per tutte, Cass.
civ.
Sez.
I, 03/12/2012, n.
21591) In particolare, la Suprema Corte, in queste situazioni, cerca di tutelare anche la figura paterna, la quale è quella che risente di più l'assenza dei minori poichè, di solito, questi ultimi rimangono a vivere con la madre. Ebbene, la Suprema Corte di Cassazione, nella sopra citata sentenza, ha avuto modo di specificare che, comunque, nel caso in cui la conflittualità dei coniugi coinvolga i minori al punto tale di creare conflittualità anche tra questi ultimi ed il padre, tale circostanza non è idonea a giustificare un regime di affido esclusivo in quanto il legislatore pone l'affido congiunto quale regola generale.

Articoli Correlati