18 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CARO AVVOCATO: la prescrizione dei crediti

  • CARO AVVOCATO: la prescrizione dei crediti
L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: La prescrizione, nell'ambito del diritto civile indica un fenomeno secondo il quale, dopo il trascorrere di un determinato lasso di tempo, il soggetto titolare di un diritto, non pu? pi?

L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: La prescrizione, nell'ambito del diritto civile indica un fenomeno secondo il quale, dopo il trascorrere di un determinato lasso di tempo, il soggetto titolare di un diritto, non può più far valere il diritto medesimo. La prescrizione è rilevante soprattutto per ciò che concerne i crediti di natura pecuniaria perchè il creditore deve richiedere il denaro al debitore entro un determinato periodo e, nel caso in cui la richiesta non venga fatta in tempo, il debitore è liberato dal pagamento. La prescrizione può essere interrotta con delle costituzioni in mora, ossia qualunque comunicazione diretta al debitore (lettera raccomandata, fax, domanda giudiziale, ecc..), con la quale viene richiesto il pagamento del debito. L'ordinaria prescrizione del debito di natura pecuniaria è decennale ma vi sono delle eccezioni. Il diritto al risarcimento del danno derivante da fatto illecito si prescrive in cinque anni dal giorno in cui il fatto si è verificato. Per il risarcimento del danno prodotto dalla circolazione dei veicoli di ogni specie il diritto si prescrive in due anni. In ogni caso, se il fatto è considerato dalla legge come reato e per il reato è stabilita una prescrizione più lunga, questa si applica anche all'azione civile.
Tuttavia, se il reato è estinto per causa diversa dalla prescrizione o è intervenuta sentenza irrevocabile nel giudizio penale, il diritto al risarcimento del danno si prescrive nei termini indicati dai primi due commi, con decorrenza dalla data di estinzione del reato o dalla data in cui la sentenza è divenuta irrevocabile. Si prescrivono in cinque anni: 1) le annualità delle rendite perpetue o vitalizie; 1-bis) il capitale nominale dei titoli di Stato emessi al portatore; 2) le annualità delle pensioni alimentari; 3) le pigioni delle case, i fitti dei beni rustici e ogni altro corrispettivo di locazioni; 4) gli interessi e, in generale, tutto ciò che deve pagarsi periodicamente ad anno o in termini più brevi; 5) le indennità spettanti per la cessazione del rapporto di lavoro. Si prescrivono inoltre in 5 anniche derivano dai rapporti sociali , se la società è iscritta nel registro delle imprese.
Nello stesso termine si prescrive l'azione di responsabilità che spetta ai creditori sociali verso gli amministratori nei casi stabiliti dalla legge. Vi sono anche delle prescrizioni più brevi stabilite dal codice civile.

Articoli Correlati
Senza categoria