18 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CARO AVVOCATO: recupero spese condominiali

  • CARO AVVOCATO: recupero spese condominiali
L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Il Condominio che intende agire per il recupero del credito nei confronti dei singoli condomini, deve rivolgersi al proprietario dell'immobile e non a chi appaia tale. Questo ? quanto

L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Il Condominio che intende agire per il recupero del credito nei confronti dei singoli condomini, deve rivolgersi al proprietario dell'immobile e non a chi appaia tale. Questo è quanto stabilito dalla Suprema Corte di Cassazione in materia di spese condominiali. Nel casoaffrontato dalla Corte una condomina aveva proposto opposizione avverso il decreto ingiuntivo emesso nei suoi confronti, per il mancato pagamento delle quote condominiali, chiedendo, nel merito, che il Giudice adìto volesse dichiarare la sua carenza di legittimazione passiva, non essendo la stessa né proprietaria di alcuna unità immobiliare nel Condominio opposto, né titolare di altro diritto. Con la sentenza 21 novembre 2012, n.
6755 il Tribunale di Torino ha giudicato l’opposizione fondata e meritevole di accoglimento. Durante il procedimento giudiziario è emerso che l’opponente non era proprietaria di alcuna unità immobiliare facente parte del Condomino resistente, come da visura dell’Agenzia del Territorio depositata agli atti.
Pertanto, la suddetta condomina risultava estranea al rapporto giuridico sostanziale dedotto in giudizio, essendo priva di legittimazione passiva. Secondo il resistente invece, si verserebbe in un caso di “apparenza del diritto”, in quanto nei rapporti con terzi, la ricorrente si era presentata come legittima proprietaria dell’immobile, pur non essendo tale. La Suprema Corte di Cassazione non ha invece accolto le doglianze del resistente, ribadendo il principio sopra indicato.

Articoli Correlati