19 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

ARRIVA LULU: la nuova App solo per donne su cui recensire i propri partner

  • 1|
Si chiama Alexandra Chong la?creatrice di Lulu, app dapprima rilasciata sul mercato inglese che ora conquista quello americano, ?dedicata esclusivamente alla recensione e catalogazione dei propri partner (maschi). Come

Si chiama Alexandra Chong la creatrice di Lulu, app dapprima rilasciata sul mercato inglese che ora conquista quello americano, dedicata esclusivamente alla recensione e catalogazione dei propri partner (maschi). Come apprendiamo dall’, Lulu è riservata alle donne, che hanno la possibilità registrarsi e caricare nomi, cognomi e anche foto degli uomini con cui hanno avuto una storia o che stanno frequentando; non possono ovviamente mancare giudizi e commenti atti a valutare la prestazione dell'uomo in questione, che niente puo' fare, se non rassegnarsi a venir catalogato. Lulu è un vero e proprio database in cui i ragazzi vengono recensiti come si farebbe con un hotel; le categorie di giudizio? L’impegno che un uomo mette nel portare avanti la relazione, il senso dell’umorismo, le sue ambizioni personali e lavorative, l’aspetto fisico, il primo bacio e la vita sessuale; segue poi l'elenco delle migliori e peggiori qualità di ogni ‘maschio’ catalogato. Il target delle user dichiarato da Alexandra Chong è fatto di studentesse universitarie etero tra i 18 e i 25 anni. La App ha riscosso grande successo in America, dove è stata lanciata in esclusiva in due università della Florida, mentre ha faticato a prendere quota nel Regno Unito. L’essenza dell’app è questa, come scritto sul sito associato: 'Se incontri un ragazzo a una festa e ti piace, ammettilo: vai su Facebook e Google in cerca di informazioni su di lui non appena ritorni a casa.
Lulu è il posto in cui cercare.
Lulu ti dice tutto ciò che vuoi sapere: è uno che spezza i cuori o sarà il tuo futuro marito?'. Per avere accesso a Lulu bisogna prima autenticarsi su Facebook,in modo che l’App possa verificare che il richiedente sia veramente una persona di sesso femminile; nonostante ciò le informazioni si possono pubblicare anonimamente, nessun dettaglio sull’identità delle iscritte appare nell’application.
Ogni partner può essere catalogato per caratteristiche: #Boring (noioso), #GlassHalfEmpty (bicchiere mezzo vuoto), o per comportamento, per esempio #RespectsWomen (rispettoso delle donne), #CallsOntime (puntuale nel telefonare). Poco possono fare i ragazzi, a cui è vietato scaricare Lulu (anche se basterebbe che si registrassero con un falso profilo femminile su FB per accedervi) e impossibile scoprire chi li ha recensiti. Questo si che è Girl Power. Fonte: lettera43.it