20 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

LA DONNA DEL GIORNO: Viola Davis

  • LA DONNA DEL GIORNO: Viola Davis
Viola Davis?? un?attrice amata dalla critica, pluripremiata, che si ? guadagnata la sua prima candidatura all?Oscar, oltre che al Golden Globe, a un BAFTA e a uno Screen Actors Guild? (SAG) Award come Migliore Attrice Non

Viola Davis è un’attrice amata dalla critica, pluripremiata, che si è guadagnata la sua prima candidatura all’Oscar, oltre che al Golden Globe, a un BAFTA e a uno Screen Actors Guild® (SAG) Award come Migliore Attrice Non Protagonista per la sua interpretazione in “Il dubbio” di John Patrick Shanley, basato sulla sua piéce teatrale e con Meryl Streep, Philip Seymour Hoffman e Amy Adams.
Ha ricevuto il riconoscimento del National Board of Review che le ha assegnato il Breakthrough Award, e ha ricevuto dal Santa Barbara Film Festival il titolo onorifico di Virtuoso. Recentemente è stata candidata per la seconda volta al premio Oscar®, oltre che a un Golden Globe, stavolta nella categoria di Miglior Attrice Protagonista, per la sua interpretazione di Aibileen, in “The Help,” il film di Tate Taylor, candidato all’Oscar e tratto dal romanzo best-seller di Kathryn Stockett.
Davis ha anche ricevuto il SAG Award® per Migliore Interpretazione nel ruolo di Protagonista e numerose candidature a onoreficenze della Critics Association oltre che un Image Award come Miglior Attrice. La vedremo presto nell’avventura fantascientifica “Il gioco di Ender,” con Harrison Ford, che uscirà il prossimo autunno; oltre che nel film drammatico “The Disappearance of Eleanor Rigby,” con Jessica Chastaine, James McAvoy e William Hurt.
Al momento è occupata nelle riprese di “Prisoners,” con Hugh Jackman e Jake Gyllenhaal. Fra gli altri film per il cinema ricordiamo “Won’t Back Down,” con Maggie Gyllenhaal, Holly Hunter e Rosie Perez; “Molto forte, incredibilmente vicino,” con Tom Hanks e Sandra Bullock; “Cinque giorni fuori,” con Emma Roberts, Lauren Graham e Zach Galifianakis; “Mangia prega ama,” con Julia Roberts; “Innocenti bugie,” con Tom Cruise e Cameron Diaz; “Giustizia privata,” con Jamie Foxx e Gerard Butler; “Come un uragano,” di George C.
Wolfe, tratto dal romanzo di Nicholas Sparks e con Diane Lane e Richard Gere; “Madea Goes to Jail”; “State of Play”; “Disturbia”; il film indipendente “The Architect”; Jim Sheridan’s “Get Rich or Die Tryin’,” con 50 Cent; “Syriana,” di Stephen Gaghan, con George Clooney e prodotto da Steven Soderbergh; “Lontano dal paradiso,” con Dennis Quaid e Julianne Moore; e i film diretti da Soderbergh “Solaris,” “Traffic” e “Out of Sight.” Sul piccolo schermo abbiamo visto recentemente la Davis nella famosa serie in sei episodi di Showtime “United States of Tara.” Prima di allora, è apparsa al fianco di Benjamin Bratt, Eric McCormack e Rick Schroeder nella miniserie “Andromeda.” Fra i numerosi titoli per la televisione ricordiamo anche una parte ricorrente in “Law & Order;” in “Jesse Stone,” della CBS, con Tom Selleck; il ruolo della protagonista Diane Barrino in “Life is Not a Fairytale: The Fantasia Barrino Story” di Lifetime; un ruolo di protagonista in “Traveler,” della ABC, dove è l’agente Jan Marlow; “Century City” di CBS; “Lefty”; la serie di Steven Bochco “City of Angels”; “Amy and Isabelle” di Oprah Winfrey; e “Grace and Glorie” di Hallmark Hall of Fame. Davis è anche una veterana del palcoscenico.
Nel 2010 è tornata a Broadway per l’attesissimo revival di “Fences,” di August Wilson, al fianco di Denzel Washington.
La sua interpretazione in questa piéce teatrale che ha vinto il Pulitzer Prize nel 1987 e un Tony Award le è valsa un Tony Award, oltre che il Drama Critics’ Circle Award, l’Outer Critics Circle Award e il Drama Desk Award.
“Fences” ha ricevuto anche il Tony Award come Miglior Revival ed è stata la produzione teatrale più proficua dell’anno.
Nel 2004, Davis ha brillato sul palcoscenico per la produzione della Roundabout Theatre Company della piéce di Lynn Nottage “Intimate Apparel,” diretto dal regista vincitore di un Tony Award Daniel Sullivan.
L’interpretazione le è valsa gli onori più alti per una piéce off, compreso un premio come Migliore Attrice di Drama Desk e del Drama League, oltre che un Obie Award e l’Audelco Award e una candidatura al Lucille Lortel Award.
Ha ripreso la parte al Mark Taper Forum di Los Angeles, dove le sono stati riconosciuti un Ovation Award, un Los Angeles Drama Critics Award e un Garland Award.
Nel 2001 Davis ha vinto un Tony Award come Migliore Intepretazione di un Attrice Teatrale per la parte di Tonya in “King Hedley II.” Sempre per il suo lavoro ha ricevuto un Drama Desk Award. Laureata presso la Juilliard School, Davis ha ricevuto il titolo di Dottore Onorario in Fine Arts dalla sua università, la Brown University di Rhode Island.

Articoli Correlati