17 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

TIBET: 19enne si dà fuoco per protesta, prima immolazione del 2013

  • TIBET: 19enne si dà fuoco per protesta, prima immolazione del 2013
Aveva solo 19 anni il giovane che ieri si ? dato fuoco per protestare contro il controllo cinese del Tibet; con il primo sacrificio del 2013 sale quindi a 96 il numero delle immolazioni dal febbraio 2009. Secondo quanto

Aveva solo 19 anni il giovane che ieri si è dato fuoco per protestare contro il controllo cinese del Tibet; con il primo sacrificio del 2013 sale quindi a 96 il numero delle immolazioni dal febbraio 2009. Secondo quanto riportato, Tseba, questo il nome del ragazzo, si sarebbe dato fuoco ieri alle 13 circa presso la città di Achok, nella prefettura di Kanlho (Gannan per i cinesi), nella provincia cinese del Gansu; il giovane è morto sul posto per le ferite riportate.
Mentre si immolava, Tseba ha scandito slogan in favore della liberazione del Tibet dall'occupazione cinese e per il ritorno del Dalai Lama. La salma è stata riconsegnata alla famiglia.
L'area nella quale il giovane si è dato fuoco era già stata interessata da molte immolazioni nell'anno passato; in Tibet gli atti estremi continuano e a poco servono i controlli più rigorosi nelle aree tibetane da parte delle autorità cinesi, che offrono anche ricompense economiche e taglie per ottenere informazioni. Da parecchio tempo inoltre, le comunicazioni nelle aree tibetane cinesi sono difficoltose e in alcuni casi impossibili, poichè le linee sono state tagliate.
Niente cellulari nè telefoni, internet inesistente.
Nei giorni passati la polizia ha confiscato antenne satellitari e ricevitori, per vietare che venissero seguite trasmissioni straniere, in case e monasteri. Il leader spirituale dei buddisti tibetani, il Dalai Lama, in esilio dal 1959 a Dharamsala nel nord dell'India, ha chiesto la scorsa settimana alle autorità di Pechino di comprendere le ragioni che conducono a questi atti, sottolineando di non essere in alcun modo promotore delle immolazioni, come insinuato dal governo cinese.
Le immolazioni secondo il Dalai Lama indicano il livello della disperazione a cui sono arrivati i tibetani per colpa della politica di disinformazione e di censura ad opera di Pechino, che prostra continuamente la cultura tibetana nelle aree. Fonte: ansa.it

Articoli Correlati