23 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CASSAZIONE: nessun pregiudizio su figli cresciuti da coppie gay

Se il corretto sviluppo del minore non ? a rischio, che a crescerlo sia una coppia gay non ? un problema. A deciderlo ? la Corte di Cassazione, per la quale chi contesta tale decisione del giudice essendo privo di 'certezze

Se il corretto sviluppo del minore non è a rischio, che a crescerlo sia una coppia gay non è un problema.
A deciderlo è la Corte di Cassazione, per la quale chi contesta tale decisione del giudice essendo privo di 'certezze scientifiche o dati di esperienza' bensì avanzando solo 'il mero pregiudizio che sia dannoso per l'equilibrato sviluppo del bambino il fatto di vivere in una famiglia incentrata su una coppia omosessuale' dà 'per scontato ciò che invece è da dimostrare, ossia la dannosità di quel contesto famigliare'. La posizione della Cassazione sulla possibilità, per le coppie omosessuali, di crescere figli nel loro nucleo 'familiare' appare in una sentenza che respinge il ricorso di un immigrato mussulmano che vive a Brescia: l'uomo ha contesta infatti la decisione con la quale la Corte d'Appello bresciana, il 26 luglio 2011, aveva affidato in via esclusiva alla madre, ormai sua ex, il figlio minore. Tra le motivazioni addotte a suo favore l'uomo ha fatto anche presente che la sua ex viva con una assistente sociale della comunità per tossicodipendenti nella quale, anni prima, era andata a disintossicarsi.
L'uomo reputa dannoso che il minore venga cresciuto in un contesto omosessuale.
Peccato però che proprio lui,avendo usato violenza sulla compagna della sua ex, abbia provocato turbamento al minore. Secondola Cassazione la Corte d'Appello di Brescia ha correttamente ed ampiamente motivato sulla 'ostatività del comportamento dell'uomo (aggressione alla convivente della sua ex, madre del minore, e diserzione delle visite al bambino) all'affidamento congiunto'. Fonte: ansa.it

Articoli Correlati