18 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

Povertà, in aumento anche in città

  • Povertà, in aumento anche in città
Chi sono oggi i nuovi poveri? di Rosaria di Prata Che senso ha oggi la parola povert?? Fino a qualche decennio fa, quando si parlava di povert? il pensiero subito correva ai paesi del Terzo mondo, dove manca cibo e

Chi sono oggi i nuovi poveri? di Rosaria di Prata Che senso ha oggi la parola povertà? Fino a qualche decennio fa, quando si parlava di povertà il pensiero subito correva ai paesi del Terzo mondo, dove manca cibo e acqua, una miseria che ha il volto di bambini abbandonati, assenza di medicinali, istruzione inesistente. È una situazione che oramai tutti ogni anno si augurano che si possa risolvere ma si fa così poco che sistematicamente la gente continua a morire, là, lontano dai nostri occhi che spesso preferiscono non vedere, in un silenzio che dovrebbe impressionare. Nella realtà del mondo consumistico questi problemi sono inesistenti e lo stile di vita è piuttosto alto, ma alt: oggi si aprono frontiere diverse al mondo dei nuovi poveri. Nel nostro paese un tempo povero era l’indigente, il clochard, oggi chi ha bisogno ha il volto della gente comune che ha un unico stipendio, un mutuo da pagare, dei figli da mantenere. È un nuovo povero il pensionato con la minima, spesso costretto a pagare anche l’affitto, ridotto ad una spesa risicata per la sopravvivenza. È un nuovo povero il disoccupato, il cassintegrato, chi non ha familiari che possono sostenerlo ed è alla ricerca di un lavoro, è il padre separato. Il caro vita, la crisi economica, sono tutti fattori che hanno inciso negativamente e così si continua a ‘sopravvivere’ con l’unica speranza di attendere il domani perché possa portare buone notizie…………. Possiamo solo sperare che quanto prima la situazione migliori per il bene di tutti.

Articoli Correlati