14 October 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CARO AVVOCATO: dimissioni del lavoratore per giusta causa

  • CARO AVVOCATO: dimissioni del lavoratore per giusta causa
L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Non tutti sanno che esistono le dimissioni che il lavoratore pu? rassegnare per giusta causa nel caso in cui il datore di lavoro ometta di corrispondere lo stipendio per pi? mensilit?

L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Non tutti sanno che esistono le dimissioni che il lavoratore può rassegnare per giusta causa nel caso in cui il datore di lavoro ometta di corrispondere lo stipendio per più mensilità consecutive.
Si parla più in generale di dimissioni per giusta causa ogni volta che può essere addebitata al datore di lavoro una grave inadempienza (non solo di natura economica, si pensi ad esempio al mobbing). In questi casi ci si può dimettere senza l’obbligo di dare il preavviso poiché questo tipo di dimissioni prescindono dalla volontà del lavoratore di porre fine al rapporto di lavoro.
Diciamo che il lavoratore in alcuni casi è 'costretto' ad interrompere la collaborazione e quindi ha diritto a lasciare il posto di lavoro senza preavviso ed anzi ha diritto a vedersi corrisposta l’indennità di preavviso che gli spetterebbe in caso di licenziamento. Il lavoratore dimissionario per giusta causa può anche usufruire dell’indennità di disoccupazione, come se fosse stato licenziato. Ovviamente sarà sua cura portare all’INPS le prove della 'giusta caus delle dimissioni (es.
estratti del conto corrente nei quali si evince il mancato accredito dello stipendio, lettere di sollecito per ottenere il pagamento delle mensilità arretrate, oppure denunce o esposti se si tratta di mobbing od atri comportamenti illegittimi del datore di lavoro). Il lavoratore deve comunque poi comunicare l’esito della controversia, sia che essa sia di natura giudiziale che di natura extragiudiziale. L’importante è comunque esplicare sempre in modo chiaro ed in equivoco le ragioni delle dimissioni le quali debbono essere rassegnate con lettera raccomandata a mani o a.r.

Articoli Correlati