19 September 2017

Chedonna.it Copyright © 2011 - WEB365SRL | Tutti i diritti riservati

CARO AVVOCATO: attenti alla guida dopo aver bevuto un drink di troppo

  • 1|
L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Sempre pi? spesso, soprattutto il sabato sera, si esagera un pochino con l?alcol? Quello che non tutti sanno per? ? che, in caso di guida con tasso alcolico elevato, si rischia il

L'avvocato Sara Testa Marcelli risponde: Sempre più spesso, soprattutto il sabato sera, si esagera un pochino con l’alcol… Quello che non tutti sanno però è che, in caso di guida con tasso alcolico elevato, si rischia il procedimento penale con tanto di sospensione della patente per lunghi periodi. Nei casi più gravi, ossia in caso di commissione di incidente stradale sotto l’effetto di alcol, si rischia addirittura la revoca della patente e, comunque, è sempre disposta la confisca del veicolo. Difatti vi è stata una recente modifica del Codice della Strada e del Codice Penale che ha inasprito le sanzioni addebitate a chi viene trovato alla guida in stato di ebbrezza. Per quanto riguarda le modifiche apportate al Codice Penale, è stato previsto un aumento di pena in caso di lesioni colpose o omicidio colposo cagionati sotto l’effetto dell’alcol. Per ciò che invece concerne il Codice della Strada, sono stati riformulati vari articoli ed è stata introdotta la sanzione della revoca della patente in caso di sinistro commesso alla guida in stato di ebbrezza e la confisca del veicolo se di proprietà di colui che ha commesso la violazione. In particolare l’art.
186 c.d.s., al comma 2 e 2bis stabilisce che: “Chiunque guida in stato di ebbrezza è punito, ove il fatto non costituisca più grave reato: a) con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 500 a euro 2.000, qualora sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 0,5 e non superiore a 0,8 grammi per litro (g/l).
All'accertamento della violazione consegue la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da tre a sei mesi; b) con l'ammenda da euro 800 a euro 3.200 e l'arresto fino a sei mesi, qualora sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 0,8 e non superiore a 1,5 grammi per litro (g/l).
All'accertamento del reato consegue in ogni caso la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da sei mesi ad un anno; c) con l'ammenda da euro 1.500 a euro 6.000, l'arresto da sei mesi ad un anno, qualora sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro (g/l).
All'accertamento del reato consegue in ogni caso la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a due anni.
Se il veicolo appartiene a persona estranea al reato, la durata della sospensione della patente di guida è raddoppiata.
La patente di guida è sempre revocata, ai sensi del capo II, sezione II, del titolo VI, in caso di recidiva nel biennio.
Con la sentenza di condanna ovvero di applicazione della pena su richiesta delle parti, anche se è stata applicata la sospensione condizionale della pena, è sempre disposta la confisca del veicolo con il quale è stato commesso il reato, salvo che il veicolo stesso appartenga a persona estranea al reato.
Ai fini del sequestro si applicano le disposizioni di cui all'articolo 224-ter.
2-bis.
Se il conducente in stato di ebbrezza provoca un incidente stradale, le sanzioni di cui al comma 2 del presente articolo e al comma 3 dell'articolo 186-bis sono raddoppiate ed è disposto il fermo amministrativo del veicolo per centottanta giorni, salvo che il veicolo appartenga a persona estranea all'illecito.
Qualora per il conducente che provochi un incidente stradale sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro (g/l), fatto salvo quanto previsto dal quinto e sesto periodo della lettera c) del comma 2 del presente articolo, la patente di guida è sempre revocata ai sensi del capo II, sezione II, del titolo VI.
È fatta salva in ogni caso l'applicazione dell'articolo 222". Attenzione quindi perché, salva l’ipotesi di più lieve prevista dal Codice della Strada, si sarà sempre sottoposti d’ufficio a procedimento penale e, nel caso di proprietà del veicolo, il medesimo verrà confiscato dall’Autorità.