Sapone all’olio d’oliva fatto in casa: troppi i benefici per non provare a farlo

Avete mai sentito parlare di un sapone all’olio d’oliva? Ebbene, esiste eccome, soprattutto è ricco di proprietà eccellenti!

Chiunque conosce l’olio d’oliva, ma non tutti avrebbero mai potuto pensare che potesse servire per prendersi cura della casa. Ci sono così tanti segreti e trucchetti nel mondo ecosostenibile, che molti come quello del giorno potranno non solo stupirvi, ma davvero farvi cambiare ottica su come e cosa ritenete sia necessario fare per prendervi cura della casa. Il sapone è la risposta a tanti perché!

proprietà del sapone all'olio d'oliva
fonte: Che Donna e Canva

Si tratta di una saponetta miracolosa? Quando si parla di detergenti non si scherza, perché sono proprio questi i tuoi migliori alleati, sia che si parli di pulizia della casa, che di altro. Questo rimedio è del tutto naturale quindi ha tanti vantaggi.

In primis, è molto economico, inoltre proviene dalle olive, le quali possiamo proprio considerarle oro verde prezioso! L’olio d’oliva è molto pregiato, specialmente quello extravergine, perché ha delle proprietà che fanno bene alla salute. Quindi, nella dieta Mediterranea è il preferito, ma quanto pare anche per prendersi cura della tua casa.

Il processo che permette la realizzazione del detergente si chiama saponificazione, e avviene quando un acido grasso, che può essere sia di origine naturale che vegetale, viene fatto reagire con la soda caustica, anche conosciuta come idrossido di sodio, o anche quello di potassio, se si preferisce avere del sapone liquido.

In passato, non si utilizzava la soda, ma la cenere. Questa era ed è un prodotto pulente che è una vera garanzia di pulito. In ogni caso, usare la soda non è difficile, bisogna soltanto stare attenti. Il prodotto va unito all’acqua e al resto degli ingredienti, in questo modo si procede.

Per quanto riguarda però il sapone all’olio d’oliva è necessario ripercorrere passo passo, per non commettere errori ed avere il massimo risultato.

Ricetta del sapone all’olio d’oliva, è il massimo!

Il prodotto che stiamo per preparare insieme lo si applica sul bucato. Questa soluzione è ottima sia per non danneggiare i panni, che per quanto riguarda la questione ambientale. Se vuoi prenderti cura di te e dell’ambiente, non commettere gesti impropri, ma inizia ad essere più consapevole delle tue azioni, e di quello che puoi fare per migliorare le condizioni del Mondo.

ricetta pe fare sapone con olio d'oliva
fonte: Canva

Per preparare il sapone in questione ti bastano ingredienti specifici, ma soprattutto seguire passo passo le modalità che ti stiamo per presentare. Allora, sei pronta per ottenere un bucato impeccabile?

Non si tratta solo di pulizia efficace, ma anche di delicatezza. Quante volte avrai usato prodotti costosissimi che poi si sono rivelati pericolosi per la tua salute e per i capi? A volte, proprio perché aggressivi, danneggiano irrimediabilmente qualsiasi cosa tocchino. Siamo certi che non avrai voglia di escoriarti la pelle, quindi iniziamo a produrre il sapone all’olio d’oliva fatto in casa.

Prendi: 1 kg di olio d’oliva, 300 g di acqua, 128 g di soda caustica, 1 cucchiaio di amido di mais, 20 ml di olio essenziale di lavanda e un contenitore anche riciclato per contenere la miscela. Vanno bene tutti quelli che hai a disposizione ma che non abbiano la parte interna rivestita da alluminio.

Puoi riutilizzare i contenitori tetrapak, altri in legno, e così via. Fodera la base con la carta forno, in modo da far staccare la saponetta. Inoltre, non deve assolutamente mancare un bilancino di precisione, perché i prodotti vanno pesati con cura.

Metti in tre ciotole di vetro diverse, la quantità sopra indicate di acqua, soda caustica e olio d’oliva. Indossa i guanti e gli occhiali protettivi, perché dovrai mettere la soda dentro l’acqua piano piano, e mescolare facendo raggiungere la temperatura di circa 90°, non fare mai il contrario!

Si mescola finché non diventa trasparente, e lo si fa con la massima cura, senza disperdere il prodotto, inalarlo, o farlo arrivare negli occhi. Poi si versa la miscela dentro la ciotola con l’olio d’oliva, e si mescola con una spatola di silicone finché non si raggiungono 40-45°.

Nel passaggio successivo si frulla, ed è qui che inizia la cosiddetta saponificazione. Diventerà una miscela cremosa, e qui bisogna concludere aggiungendo l’amico di mais e l’olio essenziale che si preferisce. Alla fine, versando il composto dentro il contenitore si passa alla fase finale.

Nel contenitore si tira qualche colpetto o lo si agita, per evitare il formarsi di bolle d’aria, proprio come quando fai lo stesso per il composto di una torta. Si copre, e si lascia riposare per 24 ore. Passato il tempo, il sapone non emanerà più calore e sarà freddo, e sarà anche pronto per essere tagliato in tante saponette più piccole, le quali alla fine vanno fatte stagionare per 30 giorni.

Dal bucato alla cura di sé stessi, questo sapone è miracoloso!