Il gossip terribile sul tradimento di William (e le sue preferenze sessuali)

Il tradimento di William nei confronti di Kate sarebbe un vero e proprio terremoto per la monarchia britannica, che si basa sulla solidità della coppia regnante.

Proprio per questo motivo, qualsiasi accenno all’eventualità di un tradimento all’interno della futura coppia reale formata dai Duchi di Cambridge ha sempre fatto moltissima gola agli appassionati di gossip reale.

william tradimento kate
(Chedonna)

In passato le voci di un tradimento di William hanno fatto parecchio scalpore tra i bene informati. All’epoca si affermava che William avesse una tresca con una nobildonna di nome Rose, vicina di casa dei Cambridge e sposata ad un uomo molto più anziano di lei.

Stando a quello che si diceva qualche anno fa, la bella Rose (alta e bionda) era stata in grado di far scoppiare la gelosia di Kate, che addirittura avrebbe impedito al marito di sedere accanto a Rose durante i banchetti ufficiali a Buckingham Palace.

Ovviamente la Famiglia Reale non ha mai smentito le voci riguardati un eventuale tradimento dell’erede al trono, e si tratta di una prassi consolidata.

L’unico modo in cui la Famiglia Reale sa affrontare i gossip di ogni tipo è semplicemente ignorandoli o facendo finta che non esistano. Si tratta del modo migliore per far sì che, lentamente, l’attenzione verso quel gossip sgradevole si spenga velocemente.

Le nuove voci sul  tradimento di William e sulla “concessione” sessuale di Kate

Se la Royal Family e il suo staff è perfettamente in grado di gestire i gossip che possiamo considerare “normali”, si trova forse molto più in difficoltà per quanto riguarda il gossip sopra le righe, come quello che recentemente ha travolto William e Kate.

kate e william
(Pinterest)

Da diversi giorni sta girando sulla rete (e in particolare su Instagram) la notizia secondo cui Kate è consapevole del tradimento di William e, oltre ad accettarlo, ha dato al marito il permesso di avere un’amante.

Il motivo di un comportamento che sembrerebbe inaccettabile per qualsiasi moglie troverebbe le sue origini nella camera da letto.

Secondo gli ultimi rumors, infatti, William avrebbe gusti molto particolari in fatto di rapporti sessuali. In particolare il Principe sarebbe appassionato di una pratica chiamata pegging, di cui Kate non vorrebbe nemmeno sentir parlare.

Questa pratica, piuttosto estrema, vede la donna penetrare l’uomo utilizzando uno strap – on, cioè un pene di gomma fissato a un’imbracatura che si porta come una cintura. In questo modo i ruoli si invertono: la donna penetra l’uomo e l’uomo si limita a “ricevere”.

Kate, legata a una visione del sesso molto più tradizionale rispetto a quella del marito, avrebbe sempre rifiutato completamente anche solo l’idea di provare una dinamica del genere.

Considerando però che William ne avrebbe sentito particolarmente la mancanza, Kate avrebbe accettato l’idea che William soddisfacesse i suoi desideri con una donna disposta ad assecondarli.

L’unico divieto imposto da Kate? Con l’altra donna (di cui non si conosce minimamente l’identità) William sarebbe tenuto ad avere solo una relazione di tipo fisico, senza mai cedere al coinvolgimento sentimentale. Questa precauzione sarebbe stata presa, ovviamente, per evitare una crisi matrimoniale come quella del 2019, quando Kate arrivò addirittura a togliersi la fede.

Vale la pena di sottolineare che non si sa quale sia la fonte che ha dato origine a questo gossip così pruriginoso. Quel che è certo è che la curiosità sulla vita dei Reali, anche quando si tratta della loro camera da letto, è sempre altissima.

Del resto, anche il padre di William, il Principe Carlo, finì nell’occhio del ciclone negli anni Novanta, a causa delle intercettazioni di alcune telefonate tra lui e Camilla. I due all’epoca avevano ripreso a frequentarsi dopo che Carlo e Diana avevano avviato la separazione.

In una telefonata destinata a passare alla storia (ma nella maniera sbagliata) Carlo avrebbe pronunciato la famosa frase: “Vorrei essere il tuo tampax!”. 

Evidentemente William avrebbe ereditato dal padre (e dal nonno Filippo) un’indole “birichina”: buon sangue non mente!

Gestione cookie