“Meghan voleva essere Diana”: le terribili rivelazioni in un nuovo libro

Tutti hanno avuto l’impressione che Meghan Markle volesse essere Lady Diana, ma arrivano le prove (e sono raccapriccianti).

La storia dei Duchi di Sussex è al centro di un nuovo libro scritto dal famoso giornalista e biografo Tom Bower. Il libro di intitola Revenge, cioè “Vendetta” e fa chiaramente riferimento alla vendetta che da due anni Harry e Meghan stanno portando avanti nei confronti della Famiglia Reale.

meghan markle lady diana
(Chedonna)

All’interno di questo libro però Tom Bower riporta con estrema precisione e con molti dettagli tutte le scelte che Meghan ha compiuto ma soprattutto che ha costretto Harry a compiere per ottenere uno dei suoi scopi principali.

Quale scopo? Essere Lady Diana.

Anche se l’affermazione può risultare un po’ forte, è anche vero che nel corso delle sue apparizioni pubbliche Meghan ha sempre fatto in modo di mostrare molto chiaramente questa sua volontà.

Oltre a copiare praticamente alla lettera diversi outfit di Lady Diana (come ha fatto ad esempio nel corso degli Invictus Games), la Duchessa indossa spesso i gioielli che appartennero alla suocera.

 

meghan vestito diana
(Chedonna)

Purtroppo però le cose non si fermano a un’innocua imitazione dello stile e degli outfit della Principessa del Popolo.

Tom Bower afferma che Meghan ha fatto di tutto fin da principio per manipolare Harry e i media al fine di essere costantemente paragonata a Diana.

Harry ha permesso a Meghan Markle di paragonarsi a Lady Diana, ed è stato un grande errore

Uno dei primissimi episodi si verificò nel 2016, quando all’epoca Harry e Meghan non erano nemmeno ufficialmente fidanzati. I due avevano soltanto cominciato a frequentarsi da qualche mese.

meghan markle
(Pinterest)

All’epoca a scatenare la reazione di Meghan erano stati alcuni titoli di giornali che la descrivevano in maniera “razzista”, cioè facendo riferimento al colore della sua pelle.

Harry decise di tranquillizzare subito la sua fidanzata e diede ordine al suo staff di emanare un comunicato stampa nel quale si criticava l’atteggiamento dei giornali chiedendo più rispetto per Meghan.

Meghan però bocciò completamente il comunicato originale preparato dallo staff di Harry. L’attrice fece un’enorme pressione sul suo futuro marito perché venisse fatto un parallelo diretto tra la sua figura e quella di Diana, entrambe “tormentate dalla stampa” con conseguenze che avrebbero potuto essere terribili. Il riferimento alla tragica morte di Diana mentre veniva inseguita dai paparazzi era chiarissimo.

All’epoca Meghan vinse la sua battaglia contro Harry (come sarebbe avvenuto molte volte in futuro) e il comunicato che venne reso pubblico riportava esattamente il concetto che Meghan voleva e riportava le parole “questo non è un gioco, è la loro vita” (di Meghan e Diana).

Passarono appena 3 anni (era il 2019 e i Sussex si erano già sposati) e la scena si è ripetuta in maniera quasi identica. Una lettera privata di Meghan al padre vennero rintracciate e pubblicate da alcuni giornali. Anche in quel caso Harry fece emettere un comunicato, parlando però in prima persona. Il Principe disse: “La mia paura più profonda è che la storia si ripeta. […] Ho perso mia madre e ora guardo mia moglie cadere vittima delle stesse potenti forze”.

Fino a che Harry era ancora un membro ufficiale della Famiglia Reale inglese poteva contare su uno staff di professionisti della comunicazione che, almeno, tentavano di proteggerlo dagli eccessi di Meghan.

Jason Knauf, che al tempo lavorava come responsabile delle relazioni con la stampa sia per Harry sia per William, aveva tentato di avvertire il Principe che il paragone tra sua madre e Meghan poteva essere pericoloso.

I sudditi britannici avrebbero potuto cominciare a chiedersi “chi si crede di essere Meghan Markle?”. Per quanto il consiglio fosse saggio, Harry lo ignorò completamente.

Negli anni successivi, potendo agire in maniera completamente autonoma, Meghan avrebbe tentato di accentuare in ogni modo il fatto di essere una sorta di “sfortunata erede” di Diana. Peccato che Diana non abbia mai mentito alla stampa, mentre invece in più di un’occasione Meghan è stata accusata dalla sua stessa famiglia di distorcere la verità. 

E come dimenticare l’affermazione fatta durante l’intervista a Oprah Winfrey? All’epoca la Duchessa affermò che il matrimonio ufficiale con Harry era “pro forma”, perché il vero matrimonio era già avvenuto tre giorni prima in forma privata. 

Secondo moltissimi commentatori reali si sarebbe trattato di bugia gigantesca: non c’è alcuna possibilità che qualcuno abbia accettato di sposare i due prima del Royal Wedding ufficiale, per il semplice motivo che in questo caso la cerimonia pubblica non sarebbe risultata valida. La Regina (che è anche il capo della Chiesa d’Inghilterra, insomma, il Papa) non lo avrebbe mai permesso!