Pesche ripiene con gli amaretti, il dolce al cucchiaio che cambia l’estate

Dalla cucina tradizionale piemontese escono le pesche ripiene con gli amaretti, un dessert sorprendente e molto facile da preparare

Le pesche ripiene con gli amaretti sono un dessert tipico della cucina piemontese per sfruttare appieno questo frutto nella sua maturazione.

pesche ripiene
canva

Nel ripieno finiscono così la polpa della pesca ma anche gli amaretti sbriciolati (da sostituire con i savoiardi) e il cacao amaro in polvere. Poi un passaggio in forno, insaporendole con un vino dolce liquoroso come vin santo oppure passito. Ricetta facilissima, sapore buonissimo.

Pesche ripiene con gli amaretti, buone da congelare

Se dovessero avanzare, conserviamo le pesche ripiene con gli amaretti in frigorifero, dentro un contenitore chiuso ermeticamente, per 2-3 giorni. Ma l’idea interessante è congelarle usando le classiche buste per alimenti. Non più di due a sacchetto e quando le scongeliamo, basterà lasciarle 3 ore in frigo prima di scaldarle in forno per 15 minuti.

pesche
canva

Ingredienti:
8 pesche nettarine
90 g amaretti
2 cucchiai di cacao amaro
60 g zucchero di canna
30 g mandorle spellate
1 bicchiere di vino dolce liquoroso
burro q.b.

Preparazione:

Prendiamo le pesche, laviamole e asciughiamole bene con un canovaccio pulito. Tagliamole esattamente a metà senza togliere la buccia, togliendo però con delicatezza il nocciolo centrale e una parte della polpa come facciamo con la verdura o i pomodori ripieni.
Poi mettiamo le pesche da parte e nel boccale del mixer tritiamo finemente gli amaretti (o i biscotti che abbiamo scelto) insieme alle mandorle. Frulliamo tutto per pochi secondi fino ad ottenere una composto omogeneo e poi versiamo in una ciotola insieme alla polpa delle pesche.

Cominciamo a mescolare, poi aggiungiamo poco alla volta il cacao e lo zucchero di canna. Ogni volta giriamo delicatamente con un cucchiaio e poi andiamo avanti fino ad esaurimento degli ingredienti riprendiamo le pesche tagliate in due e farciamo ogni metà con un po’ di ripieno, livellando
con il dorso di un cucchiaio. A quel punto imburriamo leggermente una pirofila da forno e appoggiamo sulla base le pesche, con la parte cava rivolta verso l’alto. Il nostro consiglio? Metterle bene una di fianco all’altra senza lasciare spazi

Una spolverata con lo zucchero di canna e poi irroriamo la superficie con il vino liquoroso. Quindi infiliamo in forno preriscaldato a 190° C per almeno 30-35 minuti (dipende dalla sua potenza), bagnando ogni tanto le pesche con il loro fondo di cottura.
Quando le pesche ripiene con gli amaretti sono pronte, sforniamole e serviamole con un paio di mandorle intere in superficie.