Ciliegie sciroppate: tutti gli errori da non commettere per un risultato al top

Le ciliegie sciroppate sono un ottimo sistema per averle disponibili tutto l’anno: ecco gli errori da non commettere per un risultato al top.

Tra i frutti di stagione di questo periodo le ciliegie sono sicuramente tra i più apprezzati. Dolci, succose e saporite, le ciliegie oltre che ottime per essere gustate fresche, sono anche perfette per preparare deliziosi dolci come muffin, torte, clafoutis, confetture e tanto altro.

ciliegie sciroppate errori
Fonte: Canva

Peccato che durino solo per poco tempo, infatti la stagione delle ciliegie va da fine maggio a fine luglio. In questo periodo si possono trovare in genere in gran quantità ma se si vogliono degustare in altri periodi dell’anno occorre trovare dei metodi alternativi per conservarle.

Ad esempio realizzando le ciliegie sciroppate potremo utilizzarle anche durante l’inverno per preparare i nostri dolci o degustarle così come sono. Ma quali sono gli errori da non commettere con questo tipo di conserva? Scopriamolo qui di seguito.

Ecco gli errori da non fare con le ciliegie sciroppate

Quando si realizzano le conserve la prima cosa da fare è sempre pensare prima alla sterilizzazione dei vasetti, un passaggio fondamentale che dobbiamo mettere in pratica per evitare problemi di salute.

ciliegie sciroppate errori
Fonte: Canva

Detto ciò, realizzare le ciliegie sciroppate non è poi così difficile a patto però di non commettere alcuni banali errori. Dalla scelta dei frutti giusti, passando per la cottura dello sciroppo, fino al saperle snocciolare come si deve. Insomma piccoli passaggi importanti che determinano il risultato finale del nostro prodotto.

Scopriamo allora tutti gli errori da non commettere con le ciliegie sciroppate.

1) Utilizzare ciliegie di scarsa qualità. Se ci cimentiamo nella preparazione di questa conserva dovremo scegliere le ciliegie giuste. Intanto non dovranno essere né troppo acerbe né troppo mature. La classica via di mezzo è perfetta. E poi dovremo utilizzare i “duroni”, una qualità più adatta alla conservazione. Naturalmente più le ciliegie fresche saranno buone e più la nostra conserva sarà superlativa, quindi diamo importanza alla scelta della materia prima per un prodotto di qualità. Se abbiamo la fortuna di avere alberi di ciliegia possiamo anche utilizzare le nostre a chilometro zero. Altrimenti le qualità sui cui si può puntare sono la ciliegia di Vignola o quelle dell’Etna.

2) Voler togliere il nocciolo per forza. Molti si ostinano a voler denocciolare le ciliegie sciroppate una ad una, peccato che spesso invece è meglio lasciarle intere perché riescono a mantenersi meglio. Infatti in questo modo non disperdono il colore e il sapore nello sciroppo.

3) Snocciolarle male. Togliere il nocciolo dalle ciliegie è un’operazione piuttosto lunga e noiosa, visto che deve essere effettuata su ogni singola ciliegia. Avere lo strumento per denocciolarle può essere utile, ma occorre anche una certa praticità per non rovinare i nostri frutti, trasformando la cucina in un film horror. Da evitare l’utilizzo di coltelli, in questo modo non faremo che rovinare la polpa delle ciliegie rendendo anche meno appetibile la nostra conserva. Meglio allora avvalersi di un facile trucco per snocciolare velocemente le ciliegie. Oppure togliere il nocciolo con questo altrettanto valido metodo. 

4) Sbagliare lo sciroppo. Molti commettono l’errore di aggiungere troppo zucchero o al contrario di metterne troppo poco. Le dosi devono essere proporzionate tra di loro. Ogni chilo di ciliegie occorre considerare 500 ml di acqua e 100 grammi di zucchero. Se si aumentano le ciliegie dovremo anche aumentare le dosi dello sciroppo. Acqua e zucchero dovranno cuocere e per farlo basterà mettere la pentola con l’acqua sul fuoco quindi aggiungere lo zucchero e portarli ad ebollizione mescolando fino a che lo zucchero non si sarà sciolto. Importante però è non far cuocere troppo lo sciroppo altrimenti si rischia di far formare il caramello.

5) Riempire i vasetti a casaccio. L’ultimo step è saper mettere le ciliegie all’interno dei barattoli. Come? Incastrando le ciliegie nella maniera giusta, mettendole una ad una senza lasciare troppi vuoti così da non sprecare spazio e al tempo stesso da farle immergere tutte nello sciroppo. Al contrario, non vanno riempiti nemmeno troppo i vasetti, altrimenti rischiamo di schiacciare le ciliegie disperdendo il succo e con il risultato di non far penetrare lo sciroppo tra l’una e l’altra.